Il grattacielo più alto del mondo in Arabia Saudita rispetterà l'ambiente

Sarà edificato in Arabia Saudita

grattacieli-619_181260

Il Medio Oriente è famoso per l'abbondante presenza di oro nero nei vari Paesi da cui è composto: molte persone si sono arricchite a dismisura grazie alla vendita del petrolio e non è raro vederli a bordo di auto extra-lusso o spendere cifre assurde nel mondo dello sport. In quest'ottica, un grattacielo non rappresenta nulla di eccezionale, a meno che non si tratti del Kingdom Tower, il quale verrà costruito a Jellah e sarà alto mille metri.

Sembrava che fossero solamente voci di corridoio quelle relative alla costruzione di questa immensa opera urbanistica, ma indiscrezioni ne danno per certa la realizzazione: lo confermerebbe lo studio di architettura americano Adrian Smith + Gordon Gill. La torre prenderà vita a Jellah, in Arabia Saudita, e costerà 1,23 miliardi di Dollari, cifra in parte finanziata dal principe Alwaleed bin Talal. All'interno dell'edificio nascerà un hotel, appartamenti costosissimi, uffici lussuosi e l'osservatorio più alto del mondo; per collegare tutti questi luoghi vi saranno 59 ascensori e 12 scale mobili. Durante la progettazione di questo grattacielo si è pensato anche all'ecologia: muri particolari impediranno al caldo torrido di entrare all'interno degli appartamenti e saranno create alcune appendici esteriori per creare ombra e far sì che si limiti l'utilizzo di condizionatori.

Forse non c'è un vero bisogno di altri appartamenti, visto che il Burj Khalifa, grattacielo da 800 metri, ha solo 75 appartamenti occupati su 900, ma avere il palazzo più alto del mondo fa sempre bella figura.

11 Agosto 2011 | Stefano Caneva