Innovazione

Il robot veloce e agile come un gatto

Come un vero gatto, il robot sviluppato dal Politecnico di Losanna è piccolo, veloce e agile. In futuro potrebbe essere un aiuto prezioso nelle operazioni di ricerca e salvataggio.

È modellato sulla struttura di un vero gatto, anche se il suo nome, Cheetah-Cub (cucciolo di ghepardo), è molto più accattivante. Non ha la testa, ma in compenso delle zampe formidabili che lo rendono capace di correre e superare piccoli ostacoli. Leggero, compatto e robusto, è costruito con materiali non costosi e facilmente reperibili.

[Scarafaggi bio-robot]

Velocità e controllo
Si tratta del primo prototipo di gatto-robot, presentato dal laboratorio di biorobotica del Politecnico di Losanna sull’International Journal of Robotics Research di giugno. Pesa solo un chilo, è lungo circa 20 centimetri ed è già il più veloce tra i robot quadrupedi sotto i 30 chili. «Grazie alla sua morfologia possiamo farlo correre fino 1,5 metri, ovvero sette volte la sua lunghezza, al secondo» spiega Alexander Sproewitz, ricercatore del Politecnico di Losanna. A differenza di altri automi, più pesanti e rigidi, il Cheetah-Cub ha un’ottima capacità di auto-stabilizzazione anche a velocità elevate.

[La libellula robot - Dagli occhi delle mosche nuova vista per i robot]

Perfezione felina
Il punto forte di questo gioiellino della biorobotica sono le sue zampe, composte da tre segmenti con proporzioni fedeli a quelle di un gatto, dotate di molle e attuatori che sostituiscono tendini e muscoli, perfette per correre e aggirare gli ostacoli. L’automa è ancora in fase di sviluppo e sperimentazione, ma sarà un punto di riferimento nella ricerca sulle zampe multi-segmento nei robot quadrupedi, che a lungo termine potrebbero diventare macchine a terra tanto veloci e agili da essere utilizzate nelle missioni di esplorazione e salvataggio, per esempio nel caso di catastrofi naturali.

Guarda come funziona il Cheetah-Cub:

5 luglio 2013 Sara Zapponi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us