Innovazione

Il futuro delle navicelle spaziali è Green

Utilizzerà un motore a idrogeno.

Il mondo in generale sta prendendo sempre più coscienza della minaccia che l'inquinamento atmosferico porta al nostro pianeta: da qualche anno si sta cercando di creare motori ecologici o meno inquinanti per riuscire a convivere in maniera migliore con la natura. Per questo motivo, l'Agenzia Spaziale Europea ha preso in considerazione l'ipotesi di utilizzare un nuovo tipo di navicella spaziale al di fuori del comune: non avrà i tipici reattori, ma sarà dotato di un motore non inquinante.

Skylon, questo il nome scelto per la navicella prodotta da Reaction Engine, utilizzerà infatti un tipo di motorizzazione chiamata SABRE, il quale utilizza idrogeno e ossigeno per produrre energia: il primo costituirà il combustibile mentre il secondo, portato allo stato liquido, servirà per raffreddare. Una peculiarità di questo mezzo è la sua polivalenza: può sfrecciare nei cieli come un jet, alimentato ad aria, oppure vagare per lo spazio come una Space Shuttle. Le funzioni principali che adempierà saranno quelle di rifornire la stazione spaziale, trasportare apparati satellitari e, perchè no, passeggeri: la navicella è infatti in grado di portare nello spazio fino a un peso di 12 tonnellate. Come afferma Richard Brown, direttore del Centro per la tecnologia e il trasporto aerospaziale presso l'Università di Glasgow: "la variante a propulsione che dovrebbe essere installata in Skylon è con ogni probabilità la più efficiente". Sembra quindi che stia per essere affrontato un grande passo per quanto riguarda la scienza, ma anche per il rispetto dell'ambiente.

La produzione di questo mezzo, però, richiede un enorme sacrificio economico, in quanto il prezzo stimato per portare a termine il progetto sarebbe di circa 10 miliardi di $. (ga)

Guarda i grattacieli green più belli del Mondo:

26 maggio 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us