Innovazione

Il drone tartaruga svizzero nuota sereno in piscina

Drone acquatico sviluppato da Università Zurigo.

di
I prototipi di animali in versione hi-tech non sono una novità all’università di Zurigo. In questo periodo impazza un drone acquatico ribattezzato Naro-Tartaruga. Guarda il video del battesimo dell’acqua.

"Il primo drone era stato progettato da un gruppo di otto universitari"
Nuotate hi-tech - La tecnologia va avanti, ma guardandosi indietro allo stesso tempo. Almeno questa è l’idea dando un’occhiata al nuovo progetto dell’ETH (Politecnico Federale di Zurigo). Il Drone in questione ci chiama Naro-Tartaruga - in italiano anche nel nome originale - pesa circa 75 kg, misura metro, si sposta alla velocità di 2 metri al secondo e può spingersi a una profondità massima di 100 metri. La Tartaruga hi-tech è realizzata in alluminio ed è ancora in fase di test. Il primo tuffo è recente: risale solo all’estate scorsa.

Seguendo la scia - Non è nemmeno la prima volta che i ricercatori svizzeri traggono ispirazione dal regno marino. Se la tartaruga è ancora una novità, il Naro-Fish risale già al biennio 2008-2009. Il fatto che ci si riferisca a un periodo di tempo così specifico non è casuale: entrambi droni sono progettati come complemento per la tesi di laurea. I primi test della Naro-Tartaruga sono iniziati nel 2010, sintomo che lo studio era arrivato a delle conclusioni positive.

Approdi futuri - Quello che interessa maggiormente i ricercatori è studiare l’energia di propulsione generata dal movimento delle pinne, nonché la possibilità di creare sistemi di locomozione che ne riproducano il sistema alla base. Il primo obiettivo è realizzare un robot che nuoti autonomamente, ma sicuramente è solo l’inizio. La natura fa dunque da punto di partenza, bisogna capire quanto tutto questo... prenderò il largo. (sp)

Il drone tartaruga sguazza in piscina a Zurigo

13 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us