Innovazione

E-mail troppo dirette? Ci pensa il correttore di educazione

Per le e-mail e le chat di risposta automatica utilizzate da molte aziende: un nuovo software le rende più educate, ma solo per l'inglese.

A chi non piacerebbe avere un "correttore di educazione" che modifichi all'occorrenza le e-mail che inviamo d'impulso (spesso stressati o irritati) a capi o colleghi di lavoro? Adesso c'è, anche se solo per la lingua inglese: Shrimai Prabhumoye, dottoranda al Carnegie Mellon University's Language Technologies Institute (USA), ha pensato di creare un metodo automatizzato che converta richieste dirette, che potrebbero essere interpretate come poco gentili (per esempio, inviami i documenti) in frasi più educate almeno da un punto di vista formale (Potresti cortesemente inviarmi i documenti?). «Per alcune applicazioni è un aspetto fondamentale», afferma Prabhumoye, «come per blog, e-mail e servizi di chat automatica che rispondono ai clienti delle grandi aziende.»

Questione di educazione. Prabhumoye e colleghi hanno classificato 1,39 milioni di frasi selezionate dagli scambi di e-mail di un'azienda energetica texana fallita nel 2001. La classificazione in base al livello di educazione, a partire dalla definizione di cosa fosse educato e cosa no è stata complessa, com'era logico attendersi. E poi è stato necessario risolvere altre complessità sul livello di intervento, perché «non si tratta solo di scrivere "per favore" o "grazie"», spiega Prabhumoye: «a volte è necessario rendere il linguaggio meno diretto, usando magari dei condizionali, come "potresti inviarmi", al posto di imperativi, come "inviami"».

Per favore. La percezione di ciò che è educato e ciò che non lo è varia anche da cultura a cultura: uno statunitense, ad esempio, utilizza sempre "per favore" per fare delle richieste ad amici stretti; per un arabo, al contrario, farlo sarebbe strano, se non addirittura maleducato. Per questo motivo nello studio i ricercatori hanno deciso di prendere in considerazione in modo specifico la lingua inglese formale dei nord americani.

Educazione eccessiva. Il sistema inizialmente tendeva solo ad aggiungere parole educate per rendere il discorso più gentile: «Per favore per favore per favore aiutami», ad esempio, veniva considerata una frase più educata di «Per favore aiutami». Con il tempo, il metodo si è perfezionato e i cambiamenti sono diventati più sottili e corrispondenti a ciò che ci si aspetta da un dialogo reale.

19 luglio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us