Innovazione

Il catalogo IKEA è un falso d'autore in 3D

Le immagini del catalogo realizzate al computer.

di
Altra grande novità per il catalogo Ikea dopo l’introduzione della realtà aumentata grazie a un’apposita applicazione. A partire dal 2013, alle composizioni “fisiche” saranno preferite quelle virtuali, realizzate con sistemi CAD di rendering architettonico.

"Scelta intelligente: Ikea non deve più buttare via i mobili usati per realizzare il suo catalogo"

Rendering

Sette anni - La notizia “sconvolgente” viene fatta rimbalzare dal sempre ben informato Wall Street Journal, che racconta un po’ come il catalogo più famoso del mondo si è digitalmente evoluto nell’ultimo decennio. Sì, perché il primo rendering digitale di un mobile IKEA nasce sette anni fa e quasi per caso. Nel 2005 venne chiesto a tre stagisti di ricreare una stanza senza utilizzare foto, ma con il solo ausilio del computer. Dopo un anno circa presentarono il loro lavoro: doveva esser un gran bel rendering, dato che convinsero la dirigenza a puntare sul digitale anziché sul reale. Oggi già il 12% delle 234 pagine del catalogo sono realizzate con la computer graphics e per il prossimo catalogo puntano ad arrivare al 25%.

Scelta verde - Le motivazioni che hanno spinto il gigante svedese alla “svolta 3D” sono tinte di verde. Verde, come il colore dei dollari risparmiati dal non dover ricostruire ogni volta intere stanze; verde come il risparmio ecologico che deriva dal non dover buttare via i mobili appena finito di scattare foto. Si risparmiano, quindi, soldi e alberi. «È un modo intelligente di risparmiare denaro» - afferma Anneli Sjogren, capo fotografo di IKEA - perché «così non dobbiamo più buttare cucine e altro mobilio appena terminato di scattare le foto». (sp)

Ikea immagina la cucina del futuro

27 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us