Innovazione

Il bradipo robot che aiuta l'ambiente

I ricercatori della Georgia Tech hanno realizzato un robot bradipo che li aiuterà nel monitoraggio dell'ambiente e nella tutela delle specie a rischio.

Lento, lentissimo, come un bradipo in carne e ossa. Ma si tratta in realtà di un robot. Realizzato dai ricercatori della Georgia Tech, avrà il compito di mimetizzarsi nell'ambiente e tenerlo sotto controllo passando quasi inosservato.

 

Interamente stampato in 3D, il robot bradipo vive appeso a cavi d'acciaio lungo i quali si muove. Lentamente e solo quando necessario.

 

Invisibile. Il suo compito è quello di monitorare i livelli di inquinamento e di CO2 presenti nell'ambiente ma anche di altri fattori di interesse per i ricercatori. Il robot bradipo potrà anche controllare le specie a rischio, sia animali che vegetali, presenti nell'ambiente in cui viene impiegato.

Il robot è alimentato da pannelli solari e protegge all'interno del guscio in plastica tutta la strumentazione necessaria al suo lavoro. Il bradipo non ha bisogno di alcuna manutenzione e grazie alla sua alimentazione con energie rinnovabili può essere impiegato per anni senza bisogno, almeno in teoria, di alcun intervento umano.

 

Non gli sfugge niente. Questo lo rende uno strumento ideale per l'utilizzo in ambienti incontaminati, dove anche il più breve contatto con l'uomo potrebbe lasciare il segno.

 

Il robot potrebbe essere impiegato anche in agricoltura per il monitoraggio delle piante: il suo occhio vigile potrebbe infatti scoprire malattie e infestazioni di parassiti prima che se accorga l'uomo, riducendo così i costi ma soprattutto la necessità di pesticidi.

28 giugno 2020 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us