Il 2015 sarà l’anno dell’e-commerce mobile!

Il boom dell’e-commerce avverrà nel 2015

nfc-2015_180702

Qualche settimana fa, Juniper ha stimato che le transazioni mobili per i beni digitali e fisici, le transazioni di denaro e quelle NFC entro il 2015 raggiungeranno un valore annuo superiore ai 670 milioni di dollari: una cifra enorme se paragonata ai 240 miliardi di dollari di quest’anno.

Oggi Gartner, dal canto suo, ha rilasciato un nuovo report dedicato interamente ai servizi di pagamento mobile che evidenzia un incremento del 38.2% rispetto allo scorso anno, raggiungendo nel 2011 così la soglia dei 102.1 milioni per un volume di pagamenti che si aggira intorno agli 86,1 miliardi di dollari.

Tuttavia secondo gli analisti di Gartner il mercato dei pagamenti mobile ha una crescita più lenta del previsto e a sottolinearlo è lo stesso Research Director: Sandy Shen, spiegando come la tecnologia NFC non decollerà prima di altri 4 anni. La maggiore difficoltà, secondo Shen, sarà convincere gli utenti ad abbandonare i classici mezzi di pagamento come Bancomat e carte di credito in favore degli smartphone.

Si prevede che nel 2011 gli acquisti di beni attraverso le applicazioni mobile come eBay e Amazon rappresenteranno il 90% delle transazioni in Nord America ed il 77% nell’Europa Occidentale, mentre per quanto riguarda l’Europa Orientale, il Medio Oriente e l’Africa i due servizi rappresenteranno rispettivamente il 54 % ed il 32% delle transazioni.

Gli analisti di Gartner sono convinti che questa tecnologia di pagamento non riscuoterà il successo sperato in un futuro vicino ma bisognerà attendere ancora qualche anno. Intanto dal canto suo Google continua a credere ed investire nella sua grande scommessa con il lancio di smartphone dotati di Google Wallet e allo stesso tempo PayPal ha annunciato la sua integrazione con la tecnologia NFC per dispositivi Android.

Non ci rimane quindi che attendere ancora qualche anno per vedere esplodere questa nuova tipologia di pagamento, che promette di rivoluzionare la nostra vita!

22 Luglio 2011 | Daniele Perotti