Innovazione

I test sulla velocità ADSL danno risultati preoccupanti

Al penultimo posto come velocità media di download.

Che in Italia la banda larga non sia eccezionale lo sapevamo in molti, ma che addirittura fossimo i penultimi in Europa in pochi se lo sarebbero aspettato.

Una società specializzata ha effettuato infatti una ricerca studiando il traffico di 84mila server sparsi su ben 72 paesi e con una velocità media di soli 3,4 MB per secondo siamo ben lontani dal primato della Corea del Sud che, con i suoi 13,7 MB si piazza con pieno merito al primo posto.

Solo la Spagna riesce a fare peggio di noi ma questo non può rendere la pasticca meno amara.

Dallo stesso studio risalta come città più veloce d'Europa Costanza in Romania mentre per il resto la classifica è dominata da Corea e Giappone.

Interessante scoprire che la classifica non migliora dal punto di vista della velocità di picco mentre riusciamo a scalare velocemente le posizioni quando il test si basa sulla provenienza degli attacchi informatici dove possiamo "vantare" un 3.6%,

Le motivazioni che hanno portato il nostro Bel Paese ad essere considerato come un "Terzo Mondo" della rete possono essere svariate ed al primo posto vi è da considerare sicuramente la difficoltà geografica ma sembra comunque strano che nel 2011 difficilmente volendo condividere un file non lo si riesce a farlo raggiungendo i soli 4MB.

Un allarme che deve naturalmente fare pensare e costringere chi di dovere a migliorare in un modo o nell'altro la situazione magari colmando tali lacune con le nuove tecnologie come ad esempio il tanto citato Wi-Max.

Riusciremo a scalare la classifica? Credo che lo potremo scoprire solo fra diversi anni....

E voi quanto avete di download?

Mario De Rosa

8 maggio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us