I supermercati di Amazon: senza casse

Prendi, metti in borsa ed esci. Ma non è taccheggio: Amazon Go tiene traccia di quanto ha acquistato e mette direttamente in conto sulla carta di credito.

amazon-gowp2
Dolcetto: in conto.|Amazon

Con un tweet e un video Amazon ha lanciato, ieri, un progetto che potrebbe rivoluzionare il modo di fare la spesa. Si chiama Amazon Go, (come to go, andare) ed è un supermercato in cui si acquista senza tirare fuori il portafoglio e senza fare la fila in cassa.

 

Si paga eccome, però: solo che lo si fa direttamente con la carta di credito, grazie a un'app che tiene traccia dei prodotti messi in borsa e che preleva direttamente dalla carta dell'account del cliente, inviandogli uno scontrino virtuale all'uscita (il testo continua sotto al video).

 

 

Dove si trova. Per ora esiste un solo punto vendita, in Blanchard Street a Seattle, aperto in versione "beta" soltanto ai dipendenti di Amazon. Ma se le fasi di test andranno come previsto, il supermercato senza cassa potrebbe aprire al grande pubblico nei primi mesi del 2017.

 

come funziona. I consumatori entrano e si registrano all'ingresso, attraverso la scansione di un codice sullo schermo dello smartphone. A questo punto, il cellulare non serve più. Un sistema di telecamere e sensori presenti sugli scaffali, nonché di algoritmi di apprendimento automatico (simili a quelli presenti sulle auto senza conducente, come spiegato nel video) tiene traccia di ogni prodotto preso e messo in borsa, così come dei "ripensamenti", delle merci cioè prima prese e poi rimesse a posto.

 

Chi ci guadagna? All'uscita, gli acquisti sono addebitati sulla carta di credito, e arriva sul cellulare una ricevuta per poter controllare eventuali errori. L'obiettivo è velocizzare gli acquisti, dando al cliente una sensazione di maggiore libertà: tuttavia mentre si fa la spesa, gli algoritmi memorizzano le preferenze di ciascuno, tenendo traccia delle sue abitudini di acquisto, elaborando nuove preferenze da suggerire attraverso l'app e identificando le posizioni migliori per le merci sugli scaffali.

 

Minore controllo. Il cliente liberato dal peso psicologico del pagamento alla cassa - e dalle attese - potrebbe finire con lo spendere di più (come spesso avviene quando acquistiamo online). È presto per dire se il sistema prenderà piede nel mondo, con buona pace delle catene di supermercati, che guardano al progetto con preoccupazione. Ma secondo il Wall Street Journal, Amazon starebbe pensando ad altri 2000 punti vendita come questo.

 

 

06 Dicembre 2016 | Elisabetta Intini

Codice Sconto