Innovazione

I rumour danneggiano le vendite di Apple

Insuccesso di Apple: tutta colpa dei rumors!

Apple è un’azienda in attivo, in salute e con alle spalle una capitalizzazione di mercato da capogiro che le ha permesso di superare l’ex numero uno mondiale Exxon Mobil Corp lo scorso agosto. Ciononostante, per la prima volta in sei anni, gli analisti hanno sbagliato le stime trimestrali di Apple che non ha raggiunto gli obiettivi sperati. Colpa dei rumour?

“Aspettative eccessive fanno diminuire le stime di vendita dell’iPhone nel quarto trimestre dell’anno.”

Tim Cook ha presentato qualche giorno fa i risultati finanziari del quarto trimestre dell’anno fiscale 2011 conclusosi il 24 settembre 2011. Cupertino ha annunciato un fatturato nei tre mesi di 28,27 miliardi di dollari e un utile netto di 6,62 miliardi di dollari. Risultati eccellenti confrontati con quelli dello stesso trimestre dell’anno scorso che vedevano un fatturato di 20,34 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 4,31 miliardi di dollari. Il margine lordo è stato del 40,3 percento - rispetto al 36,9 percento registrato nello stesso trimestre di un anno fa - mentre le vendite internazionali hanno rappresentato il 63 percento del fatturato trimestrale.

Una crescita strepitosa che però, per la prima volta in sei anni, gli analisti hanno sbagliato aspettandosi risultati migliori. Apple ha fatturato 6,62 miliardi di dollari che, se confrontati con le stime di 7,31 miliardi - calcolatrice alla mano - mostrano una discrepanza di 690 milioni di dollari. Apple ha venduto 17,07 milioni di iPhone nel Q4 wolrldwide - in crescita del 21% rispetto allo stesso trimestre di un anno fa - mentre gli analisti prevedevano 20 milioni di esemplari.

È lo stesso Tim Cook - CEO Apple - ha dichiarare come sia impossibile stimare le vendite future e punta il dito contro i rumour circolati sul nuovo melafonino nei mesi precedenti al lancio. Insomma, avrebbero venduto di più nel quarto trimestre del 2011 se le persone non si fossero aspettate il nuovo iPhone 5 aumentano il desiderio.

È vero che il nuovo iPhone 4S nel primo weekend dal lancio ha raggiunto quota 4 milioni di dispositivi venduti, ma queste vendite non rientrano nel trimestre interessato.

Sembra che l’iPhone non sia l’unico dispositivo Apple a creare qualche grattacapo nei bilanci del colosso di Cupertino. iPod continua a essere in perdita crollando di 27 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2010 (6,62 milioni nel Q4), mentre l’iPad è andato bene con 11,12 milioni di esemplari venduta in crescita di 166 percento rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, e solo leggermente al di sotto delle stime degli analisti.

Record infine per i Mac (tutte le linee di computer) che sono andati letteralmente a ruba vendendo 4,89 milioni di unità (+ 26%) probabilmente grazie all'arrivo dei nuovi MacBook Air rilasciati nel mese di Luglio. (sp)

21 ottobre 2011 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us