Innovazione

I nuovi smartphone? A ologrammi e schermo pieghevole

Ecco come cambierà il tuo cellulare.

Una società specializzata nella “creazione online” di prodotti ha pubblicato i video di alcuni concept di futuri smartphone: i cellulari con l'ologramma.

“Il sensore per rilevare il movimento assomiglia a Kinect”

Lavoro collettivo - La società si chiama eYeka ed è specializzata nel proporre concetti per il design dei futuri prodotti. Ha indetto un contest all'interno della community, per creare gli smartphone del futuro. I requisiti che il nuovo oggetto doveva possedere, erano: minimalista, con un design semplice, più funzioni, un design che sia come l'estensione del corpo, la capacità di essere una "guida per la vita”, eco sostenibile e trasparente, come un ologramma.

Idea futuribile - Il primo concept mostrato nel video online si chiama "Roundphone" ed è uno smartphone a forma di biscotto che utilizza le proiezioni olografiche al posto dello schermo: ti fa comunicare come Luke Skywalker in Star Wars. L'idea tecnologica alla base è un sensore di movimento simile al Kinect. Secondo gli inventori lo smartphone di prossima generazione sarà in grado di interagire con altri oggetti e con la casa domotica: ad esempio in bagno parlerà con la doccia che gli dirà che temperatura ha raggiunto l'acqua, oppure collegandosi al frigo informerà l'utente circa le provviste e la dispensa. In definitiva un dispositivo che funge da compagno per la vita, sempre presente.

Si piega per l'uso - Il secondo concept si chiama "Flexphone" ed è un'idea non di così lungo termine. Infatti utilizza ancora il vecchio schermo, ma aggiunge la possibilità di piegarlo perché possa meglio compiere lo scopo più adatto: un display piccolo per telefonare, con grandezza da tablet per guardare film e foto, oppure in dimensioni da console per giocare a un videogame. La tecnologia alla base è la versione flessibile degli schermi OLED. (gt)Niccolò Fantini

19 maggio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us