Innovazione

I link truffa di Facebook e i malaware di Twitter

Link truffa e messaggini malvagi.

JackDefender è il blog dove trovi tutto (e di più!) su social e sicurezza. Raccontato in modo semplice e divertente da Michele Cimmino, Responsabile della Comunicazione per l’Italia di BitDefender, e Catalin Cosoi, Ricercatore Senior del laboratorio Antispam di BitDefender. In questa puntata ti raccontano i pericoli che si nascondono nei 140 caratteri di Twitter e i link truffa di Facebook.

M: Hey Catalin, è da un po’ che non parliamo di Facebook e Twitter.

C. beh si, in effetti è passato un po’ di tempo.

M: qualche novità dunque?

C: beh, per iniziare posso dire di essere abbastanza sorpreso di quanto sta accadendo con Twitter. Sono sempre più dell’idea che la sua evoluzione sia quella di diventare una fonte di informazione meglio organizzata e strutturata, piuttosto che un social network.

M: Twitter come fonte di informazione in 140 caratteri, interessante punto di vista.

C: se segui le giuste persone, puoi ricevere instantaneamente un sacco di buone informazioni sugli argomenti di tuo maggiore interesse. Inoltre, le informazioni sono in qualche modo già “filtrate” da queste persone. In questo modo solo gli articoli di maggiore interesse verranno tweetati. Una sorta di “filtro social” per ottenere delle buone letture.

M: Mi piace il tuo punto di vista, potremmo definirlo uno strumento di monitoraggio media partecipativo. Un insieme di persone che leggono e selezionano i maggiori articoli provenienti un po’ da tutti gli angoli della rete.

C: corretto. Certo ci saranno sempre dei profili pronto a diffondere spam, malware o false informazioni. Ma credo sarai d’accordo con me quando dico che questo può avvenire per ogni tipo di servizio.

M: certo. E per quanto riguarda Facebook invece?

C: per quanto riguarda Facebook, ci ha sorpreso notare come sia in crescita il tempo trascorso sul social network attraverso accessi da dispositivi mobili. Sfortunatamente abbiamo ottenuto queste statistiche analizzando quanto persone hanno accesso a un link truffa, e abbiamo notato che il 24% delle persone cascate in questa truffa stavano navigando dal loro cellulare.

M: ma non possiamo dire che navigare dal cellulare sia una cosa negativa?

C: assolutamente no, ma dal cellulare pare sia più difficile resistere a siti accattivanti con pagine dai titoli curiosi come “Clicca qui per leggere lo status che ha causato l’espulsione da scuola di questa ragazza” o anche “La sua ragazza si è suicidata dopo che lui aveva pubblicato questo video su Facebook”.

M: il punto è che le truffe (scam) su Facebook hanno raggiunto un livello tale di social engineering da rendere molto concreto il rischio di essere raggirati.

Cosa pensi che i nostri lettori dovrebbero fare?

C: se vedono un messaggio con un invito a fare qualcosa nel profilo di un amico, è importante controllare prima di cliccare link a rischio.

M: come si può controllare? Nessuno vuole diventare la prossima vittima, ma allo stesso tempo non è semplice mantenere sempre alta l’attenzione.

C: hai ragione. Quello che ripeto sempre è che l’utente dovrebbe essere consapevole del fatto che questo tipo di minacce esiste: il rischio non è solo quello di vedersi il proprio profilo invaso da link malevoli.

M: e quale sarebbe secondo te il rischio maggiore?

C: sicuramente il fatto che si possa avere una fuga di informazioni personali, utilizzabili in un secondo momento per attacchi mirati.

M: cosa fare dunque quando si vede sul profilo di un amico un link da un titolo accattivante, o qualcosa che incuriosisce?

C: la prima cosa da fare è contattare chi ha pubblicato il link. Se si tratta di una truffa, lo scopriremo subito.

M: questo rovinerebbe la curiosità sul momento...

C: ...ma eviterebbe il furto di dati personali

11 gennaio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us