I lavori del futuro

Un team di esperti ha stillato le 70 professioni per il 2030: nuovi lavori, evoluzioni di quelli di oggi e molta fantasia. Ecco le più interessanti.

lavoro1

Nel 1984 la rivista The Futurist chiese allo psicologo Norman Feingold (1914 - 2005) di scrivere un dossier sui nuovi lavori dell'era post-industriale. Apple aveva appena lanciato il suo Macintosh, il papà dei moderni computer dotati di interfaccia grafica e di mouse. Un oggetto per appassionati di tecnologia ben lontano dal diventare un prodotto di massa, come oggi. Eppure Feingold capì subito che quella sarebbe stata la chiave di volta e sempre più lavori in futuro sarebbero stati assorbiti dal settore dell'informatica.
Non solo: il suo elenco tenne conto anche delle nuove scoperte in campo medico e dell'impoverimento delle risorse naturali che avrebbe dato nuove prospettive di occupazione all'umanità.
Aveva visto giusto.

Quest'anno, a più di 25 anni distanza dal "dossier Feingold", The Futurist ha chiesto ad altri esperti un nuovo elenco di lavori del futuro. I criteri di scelta sono i medesimi che aveva stabilito Feingold. I lavori non sono solo frutto dell'immaginazione di qualche creativo. Ma nascono dall'evoluzione naturale di un vecchio mestiere, dalla combinazione di due o più lavori già esistenti e da nuove necessità e problemi.
Un esempio su tutti è il "raccoglitore di energia", ovvero un architetto/ingegnere in grado di raccogliere l'energia cinetica di noi umani e trasformarla in… elettricità. O il "designer di interni di auto intelligenti". Ma scorrendo l'elenco le sorprese non mancano. Nelle pagine seguenti vi presentiamo alcune delle professioni che ci sono sembrate più interessanti.

Molti attori famosi e sportivi non lo sarebbero, senza un bravo agente che cura i loro interessi, suggerendogli le mosse giuste e garantendogli i contratti migliori. Ma nell'era dei social network e di youtube che diffondono immagini e storie di persone comuni a milioni di "spettatori", amministrarsi bene è importante anche per chi non ha (e non desidera) una carriera nello spettacolo o nello sport.
È per questo che in futuro potrebbero nascere dei manager in grado di indirizzare al successo chiunque lo desideri. I futurologi prevedono che sarà una figura a metà strada tra il "personal coach" e l'agente.
Il suo compito? Aiutare le persone a pianificare la propria carriera, mettendo in opera strategie di espansione e curando la comunicazione. Proprio come fossero "marchi" o "divi" ansiosi di conquistare un mercato.
Un capitolo importante della professione sarà quello di far crescere la reputazione virtuale su web (scopri come puoi controllare e migliorare già ora la tua reputazione online).

Nel futuro ci saranno consulenti per trasformare le persone comuni in persone di successo. Ma attenzione: senza una base di talento, nessuno vi trasformerà in Lady GaGa. La cantautrice americana, nella foto in un concerto a Toronto, è sensibile all'argomento: nel suo album d'esordio, The Fame, ha analizzato ogni aspetto della fama e dell'essere famosi.

Non è una buona notizia per chi già soffre dei limiti dei cosiddetti "lavori a progetto", che allontano la sicurezza del posto fisso. Ma i futurologi prevedono che l'economia degli anni a venire sarà sempre più basata su progetti a tempo, proprio come avviene per i film di Hollywood che assemblano cast e tecnici a seconda dei bisogni delle major. Il meccanismo si estenderà anche ad altre professioni come avvocati, giornalisti, architetti.
L'aggregatore di talenti sarà dunque una figura fondamentale: a lui toccherà mantenere vivo il database dei professionisti migliori sul mercato del lavoro. E orientarsi tra i curriculum dei freelance come un capitano di ventura pronto a salpare per una nuova caccia al tesoro.

Quando le nostre case in un futuro neppure troppo lontano ricaveranno l'energia dai pannelli fotovoltaici e saranno più intelligenti, grazie alla domotica (che prevede apparecchiature e impianti in grado di autoregolarsi senza il nostro intervento), anche i problemi saranno diversi. All'idraulico e all'elettricista dovranno affiancarsi tecnici in grado di risolvere i guasti delle macchine intelligenti e garantirci che nulla alteri il nostro equilibrio all'interno dell'abitazione.
Ecco che ogni palazzo al posto del custode potrebbe avere un tecnico in grado di intervenire in caso di guasto del sistema. Una sorta di mastro di chiavi con competenze di ingegneria.
Chissà se ritirerà anche la posta…

30 Maggio 2011