Innovazione

I dubbi di Gingrich sul riscaldamento globale

Il repubblicano Newt Gingrich getta benzina sul fuoco.

Il dibattito sul riscaldamento climatico continua a infiammare gli animi, soprattutto in America. Con le sue affermazioni, Newt Gingrich, uno dei candidati alle primarie repubblicane che decreteranno lo sfidante di Obama alla presidenza degli Stati Uniti, ha deciso di gettare benzina sul fuoco.

"Sono convinto che non possiamo saperlo", ha affermato in un'intervista rilasciata di recente alla Fox, rete d’oltreoceano via cavo. Un'affermazione che deve aver lasciato molti telespettatori perplessi, perché appare nettamente in contrasto con le dichiarazioni rilasciate nel recente passato dal candidato repubblicano. Nel 2008, per esempio, in un annuncio in cui compariva insieme alla presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi, Newt Gingrich affermò: "è necessario che il nostro paese agisca per rispondere al cambiamento climatico". E ancora, nel 1989, quando era agli inizi della sua carriera politica, Gingrich co-sponsorizzò un progetto di legge in cui si affermava che il cambiamento climatico fosse "dovuto ad attività umane".

Gingrich, tra i candidati repubblicani, non sembra l’unico ad aver cambiato posizione di recente sul cambiamento climatico. Uno spostamento a destra nel dibattito per le primarie repubblicane si riflette anche nei discorsi pubblici di Mitt Romney. Nel suo libro del 2010, No Apology, il candidato infatti scriveva: “Sono convinto che sia in atto un cambiamento climatico [e] credo che l’attività umana vi contribuisca”. L’inversione di rotta è avvenuta lo scorso ottobre, durante una raccolta fondi a porte chiuse, quando ad una domanda del pubblico Romney ha risposto: “Penso che ancora non sappiamo a cosa sia dovuto il fenomeno. L’idea di spendere miliardi di dollari per tentare di ridurre le emissioni di anidride carbonica non va nella direzione giusta”.

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Le foto "eco" più premiate

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

2 dicembre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us