Innovazione

I concentrati saranno la soluzione del futuro?

I prodotti concentrati giovano a tasche e ambiente.

Se pensiamo agli scaffali dei supermercati non possiamo fare a meno di notare l'enorme quantità di acqua presente nei diversi prodotti: a partire dai detergenti e arrivando ai succhi di frutta, in tutti è presente un'elevata quantità di liquido che, a sua volta, ha un costo. La via per abbattere le spese sembrano quindi essere i prodotti concentrati.

È un discorso che così, a prima vista, non sta in piedi e che suona quasi come un'esagerazione: un po' d'acqua in più o in meno come può fare la differenza? Il cambiamento in realtà esiste ed è consistente. I prodotti concentrati potrebbero far risparmiare fino a 200 milioni di dollari all'anno diminuendo, per esempio, i costi di trasporto, e ridurre drasticamente le emissioni di Co2 che derivano dalla consegna della merce ai negozi. Un risparmio significativo anche solo intervenendo sul mercato dei prodotti per la pulizia.

Analizzando le percentuali di acqua presenti in questa tipologia di prodotti per l'igiene e la cura personale salta fuori che i detergenti ne contengono fino al 95%, gli shampoo il 70% e le creme varie intorno al 50%. Anche se il record spetta ai succhi di frutta e similari che sono fatti di acqua fino al 99%. Se iniziassimo a "concentrarci" sui prodotti concentrati equivalenti, l'ambiente ne trarrebbe un sicuro vantaggio, così come le tasche dei produttori (e dei consumatori).

L'ostacolo più difficile da superare resta la percezione del grande pubblico verso i prodotti concentrati, ritenuti più complicati da gestire (una faticaccia versarli in un recipiente pieno d'acqua...) e meno pregiati di quelli tradizionali.

Gli eco-grattacieli del 2010

17 settembre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us