15 cellulari che hanno fatto la storia (fino all'avvento degli Smartphone)

Ti ricordi il nome del primo modello Gsm oppure quello che ha mandato in pensione i vecchi schermi in bianco e nero? Oppure il primo cellulare con il sistema T9? Se la tua memoria fa un po' cilecca, ecco una suggestiva passeggiata tra le pietre miliari della telefonia fino all'arrivo degli Smartphone.

Motorola DynaTAC 8000X È il primo cellulare messo sul mercato. Siamo nel 1983 e costa 4 mila dollari. Pesa circa 1 kg ed è appannaggio di pochi professionisti che lo mostrano con un certo orgoglio. Il primo prototipo funzionante di Motorola DynaTAC 8000X venne realizzato nel 1973 da Martin Cooper.

Nokia 1011 È il primo cellulare GSM a conquistare il grande pubblico. Il Nokia 1011 pesava 475 grammi e disponeva di uno schermo Lcd in bianco e nero a due righe e di un'antenna estraibile. Includeva un gran numero di extra, come i messaggi di testo e… ancora messaggi di testo. Piccola curiosità: il numero 1011 si riferisce alla data di lancio sul mercato, ovvero il 10 novembre 1992.

IBM Simon È il primo smartphone della storia, o meglio, un palmare con funzioni di telefonia. Un vero tuttofare per l'epoca (1994). Oltre alle funzioni di un normale telefono, Simon includeva anche quelle tipiche di un pda dell'epoca come il calendario, la rubrica, l'orologio, il calcolatore, un blocco note, le e-mail e qualche gioco. Inoltre scrivevi direttamente sullo schermo con una penna a stilo…

Nokia 9000 CommunicatorArriva nel 1996 e dà il via alla categoria dei communicator, linea dedicata a manager e sviluppatori: era tra i primi con tastiera estesa e permetteva di inviare e ricevere le email (al tempo avevano ancora la e nel nome). Era dotato di 8 MB di memoria, di cui 4 dedicati alle applicazioni, 2 ai programmi e 2 per i dati dell'utente

Motorola StarTAC Arriva nel 1997 e porta un'innovazione nel design: è il primo cellulare a conchiglia. Si ispira a Star Trek.

Siemens S10. Nel 1997 arriva anche il primo cellulare con lo schermo a colori, capace di mostrare stringhe di testo in rosso, verde, blu e bianco. Quattro colori potranno sembrare pochi, contro i 16 milioni di oggi. Ma per l'epoca rappresentano una vera rivoluzione.

Nokia 7110 È il primo cellulare dotato di browser wap per l'accesso all'Internet mobile. Il celebre modello si apriva a scatto per mostrare la tastiera: l'apertura a scatto fu sperimentata per la prima volta sul suo precursore, il Nokia 8110, nel film “Matrix”, per un migliore effetto scenico, e poi introdotta nel commercio su grande scala. Visualizzare la pagina di un sito usando il wap sulle onde del Gsm era un'agonia, neanche lontanamente vicini alla velocità di 14,4 kbps promessa, ma ha aperto le porte a uno dei trend che oggi va per la maggiore. Ma era il 1999.

Nokia 3210 A prima vista non sembra avere nulla di speciale: design anonimo, niente connessione al web, nessuna fotocamera e neanche la tastiera a scorrimento. Eppure Nokia 3210 è uno dei best seller del colosso finlandese con all'attivo 160 milioni di esemplari venduti (uscì nel 1999). Il suo segreto? Sparisce l'antenna estraibile e arriva il T9, il sistema di scrittura veloce degli sms.

Nokia 8210 Presentato nel 1999 a Parigi durante il trentesimo anniversario di Kenzo, l'8210 è stato il cellulare più piccolo e più leggero mai prodotto dalla Nokia. È diventato molto celebre anche nelle prigioni, perché i visitatori riuscivano spesso a farne avere uno ai detenuti infilandoselo nell'ano così da superare i controlli. Oggi vive una seconda giovinezza, come racconta Vice, tra gli spacciatori inglesi: batteria di lunghissima durata, niente Bluetooth, tecnologia di comunicazione in prossimità (NFC) né WiFi—il che vuol dire che nessuno può spiare i tuoi movimenti—ma è dotato di infrarossi, permettendo allo spacciatore di turno di trasferire velocemente i dati in caso fosse necessario cambiare cellulare.

Siemens c 25 I protagonisti della telefonia sono cambiati in fretta. Prima dell'arrivo degli smartphone il dominio era europeo: c'era Nokia (ora acquistata da Microsoft), c'era la svedese Ericsson (acquistata da Sony) e per un periodo c'è stata anche Siemens, che ha venuto diversi milioni di C 25.

Nokia 3310 e 3330 Indimenticabili i due cellulari "gemelli" prodotti da Nokia a partire dal 2000. Il 3310, nella foto, è stato uno dei cellulari più venduti al mondo: si parla di 126 milioni di esemplari. Il successo è dovuto anche al fatto che questo modello fosse estremamente robusto, resistente a qualunque caduta o "bagno" inaspettato.

Ericsson T68 Uscito per la stagione natalizia 2001, è il primo cellulare Ericsson con uno schermo a colori. In un'epoca dominata da display super Amoled e retina display, questo piccolo lcd da 256 colori con risoluzione di 101 x 80 pixel fa un po' ridere, ma il l'Ericsson T68 andò letteralmente a ruba a partire dal Natale dei 2001. Pesava inoltre pochissimo (solo 86 g) e offriva pure la connessione Gprs e Bluetooth. Un secondo modello, il T68i, fu lanciato più tardi rimarchiato Sony Ericsson.

NEC e606 Tre è stato la primo operatore a lanciare l'Umts, ovvero la tecnologia di telefonia mobile di terza generazione (3G), e questo modello faceva parte della sua offerta iniziale. Era in grado di fare quello che gli altri cellulari non potevano nel lontano 2003: videochiamate e la navigazione Internet veloce. Peccato che il suo schermo era a bassa risoluzione, la fotocamera non all'altezza della situazione e la batteria durava davvero poco.

Motorola RAZR Il design è una componente molto importante in un telefono cellulare e Motorola ha fatto centro con il suo 'rasoio' che ricorda vagamente il mitico StarTac degli anni '90. Il Motorola RAZR era sottilissimo (solo 13,9 mm) e super leggero (solo 95 grammi) grazie al telaio in alluminio anodizzato. Un quad-band GSM/GPRS, con doppio schermo (esterno a colori da 96 x 80 pixel e TFT a colori da 2,2 pollici e 176 x 220 pixel), fotocamera VGA con zoom 4X e con un'indole spiccatamente multimediale per l'epoca (2003).

Iphone Arriva l'era degli smartphone! Steve Jobs lo presenta al mondo dal palco del Macworld il 9 gennaio 2007. Arriva nei negozi americani il 29 giugno e va letteralmente a ruba: Apple ne vende ben 270mila esemplari nelle prime 30 ore. Ampio schermo multi-touch da 3.5 pollici, Wi-Fi e bluetooth, e una marea di applicazioni gratuite e a pagamento per navigare, giocare, inviare mail e ascoltare musica. Ha 4 (0 8) Giga di memoria e la video/fotocamera. Da quel momento i cellulari non saranno più quelli di una volta.

Motorola DynaTAC 8000X È il primo cellulare messo sul mercato. Siamo nel 1983 e costa 4 mila dollari. Pesa circa 1 kg ed è appannaggio di pochi professionisti che lo mostrano con un certo orgoglio. Il primo prototipo funzionante di Motorola DynaTAC 8000X venne realizzato nel 1973 da Martin Cooper.