Innovazione

L'Hyperloop del MIT

Un team di ingegneri del Massachusetts Institute of Technology ha vinto un concorso di progettazione lanciato da SpaceX, presentanto una capsula senza motore da testare nei prossimi mesi.

Nella lista dei contendenti per la realizzazione del primo Hyperloop, il treno magnetico da 1200 chilometri orari proposto nel 2013 da Elon Musk, si inserisce anche il MIT: un gruppo di ingegneri provenienti dalla prestigiosa università americana di Cambridge (Massachusetts) ha infatti vinto una competizione lanciata da SpaceX per il design del treno superveloce. Il prototipo, che funziona grazie a un sistema di sospensione elettrodinamica (EDS), verrà testato già nei prossimi mesi.

il Concorso. Il "bando" si è tenuto presso la Texas A&M University e ha coinvolto più di mille studenti e oltre 100 team da 20 diversi Paesi. La squadra del Massachusetts Institute of Technology, guidata dall'ingegnere aerospaziale Philippe Kirschen, ha sbaragliato la concorrenza classificandosi davanti alla TU Delft (Paesi Bassi) e alla University of Wisconsin-Madison (Usa). «Abbiamo progettato una capsula che riteniamo possa essere costruita con un budget ragionevole e in un ragionevole lasso di tempo», ha dichiarato Kirschen.

Cosa c'è di nuovo. L'Hyperloop del MIT presenta alcune novità rispetto ai treni "sottovuoto" proposti finora. La sua tecnologia per la levitazione magnetica fa affidamento sul cosiddetto sistema di sospensione elettrodinamica, già alla base di alcuni maglev giapponesi: in pratica, la forza repulsiva dei magneti che tengono sospeso il treno si sviluppa in conseguenza del movimento del veicolo e non è attiva quando il treno è fermo – a differenza della tradizionale, ma più instabile, sospensione elettromagnetica (EMS).

A differenza di altri progetti, le capsule di Kirschen e colleghi sfruttano inoltre un meccanismo di propulsione esterno simile alle catapulte che permettono ai caccia militari di decollare dalle portaerei. In questo modo il treno non necessita di motore per la spinta iniziale, con un guadagno in termini di peso e velocità.

le Prossime mosse. Gli ingegneri di Cambridge hanno stimato che la fabbricazione e la messa a punto di una prima capsula sperimentale dovrebbe costare 106mila dollari. Un prototipo in scala ridotta e senza passeggeri verrà testato entro l'estate lungo la pista di un chilometro e mezzo che sorge a ridosso del quartier generale di SpaceX, a Hawthorne.

Attualmente ci sono tre compagnie private in corsa per costruire l'Hyperloop: si tratta della società di infrastrutture globali AECOM e di due startup dai nomi quasi identici, Hyperloop Technologies (vedi) e la rivale Hyperloop Transport Technologies (vedi). Ciascuna di esse ha in programma di testare le proprie tecnologie nel corso dei prossimi mesi (ne abbiamo parlato qui).

10 febbraio 2016 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us