Innovazione

HP sconfessa Steve Jobs: i monitor touchscreen per PC funzionano!

I PC touchscreen funzionano!

Durante l'evento “Back to the Mac” dello scorso mese, Steve Jobs ha detto la sua riguardo ai PC touchscreen, criticando la loro scarsa ergonomia.“Abbiamo fatto moltissimo testing a riguardo – sostiene Jobs – ed è chiaro che non funzionano. Le superfini touch non devono essere verticali. Fa molta scena, ma, dopo un breve periodo di tempo, si inizia a faticare e, continuando, il braccio si stanca troppo; tutto ciò è ergonomicamente terribile!Dvice.com ha contattato HP, azienda leader in questo settore grazie ai propri prodotti TouchSmart, per chiedere un'autorevole risposta al genio del marketing e patron di Apple.

E la risposta da parte di Ken Mosley, responsabile HP per i PC di consumo, non ha tardato ad arrivare:“Penso che potrebbe essere una buona osservazione (quella di Jobs, ndr.) per un dispositivo che utilizzi solo l'input tramite touchscreen, ma questo non è il nostro caso. I nostri prodotti sono progettati per lavorare anche con mouse, tastiera e comandi vocali. Nessuno lavorerebbe mai su una tabella Excel per due ore usando solo il touchscreen.”

Mosley cerca di contrastare anche le critiche di Jobs riguardo al piano verticale, ricordando che gli schermi HP sono reclinabili, per facilitarne l'utilizzo. E questo è anche il caso di molti altri schermi touchscreen, anche di livello professionale, come, per esempio, il Cintiq della tedesca Wacom, specializzata in prodotti pergrafici e artisti digitali (sempre molto attenti all'ergonomia).

L'unico punto sul quale Mosley sembra accettare le critiche di Jobs sono i PC portatili touchscreen, in quanto, essendo lo schermo facilmente soggetto a vibrazioni e movimenti,il tocco non è sempre così preciso. Bisogna però riconoscere ad HP che questo problema non è ancora stato risolto da nessuno, infatti sarebbero necessari schermi “bloccabili” in qualche modo.A voi la scelta!

3 novembre 2010 Raffaele Camoriano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us