Innovazione

Hacking genetico: la nuova frontiera dell’insicurezza informatica

Un team di scienziati americani è riuscito a inserire un malware in un filamento di DNA e a farlo eseguire a un computer.

Il DNA potrebbe diventare la nuova arma degli hacker del futuro: un team di ricercatori della Washington University è infatti riuscito a scrivere un set di informazioni su un filamento di codice genetico e a farle leggere a un computer.

Programmare il DNA. Secondo gli scienziati il DNA si presta particolarmente bene a questo genere di impieghi: nella sua forma più elementare è infatti una sequenza di elementi semplici - le basi azotate adenina, timina, citosina e guanina - che si combinano tra di loro per memorizzare informazioni.

Nello studio (qui in pdf), presentato il 17 agosto a Vancouver nel corso di un simposio dedicato alla sicurezza informatica, i ricercatori spiegano di aver creato un filamento di DNA sintetico nel quale hanno memorizzato un malware, cioè un software in grado di eseguire una specifica sequenza di comandi sul computer bersaglio.

Il codice sintetico è poi stato dato in pasto a un computer specializzato nell’analisi del DNA: trattando il filamento manipolato, la macchina ha eseguito le istruzioni preparate dai ricercatori che hanno così dimostrato di poterne prendere il controllo.

I rischi. Secondo gli scienziati non c’è un rischio immediato per la sicurezza informatica, ma questo test dimostra l’esistenza di falle reali in tutto l’ecosistema che ruota attorno alla manipolazione e all’analisi dei codici genetici.

Le vulnerabilità identificate dai ricercatori di Washington potrebbero mettere a rischio l’attendibilità delle prove presentate ai processi, permettere l’alterazione di numerosi test di laboratorio ed essere utilizzate per colpire nei settori economici più diversi, dalla proprietà intellettuale all’agricoltura alle biotecnologie.

Non per tutti. Va comunque sottolineato che la creazione dei malware genetici non è proprio alla portata di tutti: si tratta di un processo estremamente complesso che i ricercatori hanno reso più semplice grazie a un piccolo trucco, aprendo cioè delle “porte” nel software utilizzato dal computer bersaglio e indirizzando il loro virus verso quelle specifiche falle.

22 agosto 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us