Innovazione

Greenpeace e l'uomo vitruviano al polo nord

Greenpeace attira l'attenzione sul surriscaldamento globale.

Il surriscaldamento globale è uno dei mali provocati dall'uomo più difficili da combattere e ogni anno scioglie una quantità sempre maggiore (e più preoccupante) di ghiaccio ai poli. Greenpeace, sempre attenta ai problemi ambientali, ha deciso di creare la riproduzione dell'uomo vitruviano su una superficie ghiacciata a 500 miglia dal polo nord.

L'uomo vitruviano è il famoso disegno a matita di Leonardo Da Vinci che raffigura le proporzioni umane. È, per intenderci, il simbolo impresso sulle monete da un euro prodotte in Italia.

Greenpeace, per ottenere una bella riproduzione sui ghiacci, ha chiesto aiuto a John Quigley. L’artista, per realizzare l'opera, ha deciso di utilizzare dei pannelli di rame appiattito come quelli usati nella produzione di pannelli solari. Greenpeace, inoltre, per “interpretare” al meglio il problema del surriscaldamento globale, ha scelto di raffigurare l'uomo vitruviano come se stesse scomparendo sotto una marea che avanza. La realizzazione dell'opera è avvenuta durante una spedizione sulla nave rompighiaccio "Sunrise Artic" dell'associazione ambientalista e impegnato un discreto manipolo di volontari. Il simbolo ricreato a terra, infatti, aveva le dimensioni di quattro piscine olimpioniche, in modo che fosse ben visibile dall’alto.

I pannelli di rame - dopo le foto di rito - sono però stati rimossi e verranno riutilizzati. L'uomo vitruviano, quindi, non è più presente sui ghiacci del polo nord ma la sua funzione, ossia quella di attirare l'attenzione sul surriscaldamento globale, l'ha svolta in pieno. (sp)

3 novembre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us