Innovazione

Gran parte dei ghiacci dell'Himalaya si restringeranno

L'Himalaya perderà il 75% del ghiaccio.

Un'analisi effettuata dalla ISRO - ovvero Indian Space Research Organization - mette in guardia la popolazione e gli scienziati sull'entità delle conseguenze dei cambiamenti climatici che stanno avvenendo nella zona dell'Himalaya. Lo studio era stato indetto dal ministro dell'Ambiente Indiano, il quale confutava le teorie del rapporto sul clima del 2007 presentato dall'ONU, e scongiura la prevista scomparsa dei ghiacci dal territorio entro il 2035: buona parte diventerà acqua, ma una minoranza resisterà alle avversità.

Cinquanta esperti provenienti da 14 diversi realtà hanno confrontato le immagini satellitari degli ultimi 15 anni di un territorio che comprende le cime presenti in Nepal, Pakistan, Cina, Buthan e India: per dar maggior validità alle loro supposizioni, sono state effettuate anche spedizioni scientifiche nella zona. Le previsioni catastrofiche annunciate per il 2035 sembrano così scongiurate e si ritiene che non tutto l'Himalaya perderà la sua copertura di ghiaccio: in particolare, il 75% si scioglierà, il 17 % resisterà, mentre se ne formerà anche dell'altro nel corso degli anni (8%).

Anche se non sono risultati eccessivamente positivi, ribaltano precedenti convinzioni e danno speranze nuove per il futuro del "Tetto del Mondo": la catena montuosa che contiene tutte le vette più alte del mondo non verrà completamente privata dei suoi ghiacci, benchè quest'ultimi, negli ultimi 15 anni, siano diminuiti in media di circa 4 km. (ga)

17 maggio 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us