Innovazione

Google si compra Nest: dai motori (di ricerca) ai termostati. Ma perché?

Il colosso di Mountain View stacca un assegno da oltre 3 miliardi di dollari a uno dei padri dell'iPod, che adesso fa termostati e sensori antifumo. Motivo? Realizzare prodotti hi tech e superintelligenti per migliorarci la vita. O, forse, guadagnare di più con pubblicità sempre più mirate.

Quanto costa un termostato? Dipende dal termostato…
Quello che si è appena comprato Google vale 3,2 miliardi di dollari. La notizia è quella dell’acquisizione da parte del gigante di Mountain View di Nest, un’azienda che produce termostati per la casa e sensori antifumo.

Non un’azienda qualsiasi
L'azienda Nest è stata fondata da un certo Tony Fadell, uno dei padri del primo iPod di casa Apple (anche se la diatriba tra chi fosse il vero “podfather” non si è mai del tutto chiarita). E anche il termostato Nest è un termostato speciale.

Collegato a Internet, conosce le previsioni del tempo del luogo in cui si trova. Ha un sensore di movimento che conta le persone che gli passano davanti (quante e quando). Si regola con un semplice “gira a destra” e “gira a sinistra” e comanda caldaia e condizionatori. Dopo una settimana, ha imparato le nostre abitudini. E non serve più toccarlo.

In casa si sta bene sia in inverno che in estate e i consumi sono scesi, grazie alla sua ottimizzazione, tra il 16 e il 30% (secondo quanto dichiara l'azienda). Perfetto.

GOOGLE PIGLIA TUTTO

La creatura di Brin e Page sta facendo acquisti a man bassa e "penetrazioni" (sempre dichiarando l'intento della nostra maggior comodità): si è comprata aziende di robotica e ha modificato l'uso della mail.

Una sola pecca, non da poco
Funziona solo in Usa e Canada, per una serie di ragioni tecniche. Se proprio lo volete anche qui in Italia, serve un po’ di buona volontà: qui e qui trovate indicazioni.

Fatto il termostato, Fadell ha realizzato un sensore antifumo: perché in casa si sta bene alla giusta temperatura, ma al sicuro si sta anche meglio.

Le ragioni dell'acquisizione
Perché Google vuole costruire termostati? Be, si potrebbe anche chiedersi perché vogliono costruire auto che vanno da sole? O gestire pazzesche mappe satellitari e foto delle strade di tutto il mondo?

Le risposte possibili sono due
Una è data dallo stesso fondatore di Google, Larry Page. In più di una intervista ha dichiarato che Google non è un motore di ricerca. Page sostiene che diventare il motore di ricerca più intelligente del mondo sia solo il primo passo del suo grande obbiettivo: costruire oggetti tecnologici che miliardi di persone avranno in casa. Finora, a dire il vero, non gli è andata molto bene. L’acquisizione di Motorola non ha ancora portato né enormi profitti né il telefono 100% Google (il Motorola X) in tutto il mondo.

Ma l’attesa per i Google Glass è grande: ed è grande anche quella per la prima flotta di auto che guidano da sole e, più in generale, di robot, il nuovo grande interesse di casa Page e Brin. Che, nelle loro dichiarazioni, sono dei visionari: “Vogliamo che tutto il mondo condivida la conoscenza e possa usufruire della tecnologia al massimo livello possibile”.

Spioni in casa
La seconda risposta è molto meno “da guru” e molto più orientata al business. Come guadagna Google? Vendendo pubblicità. In modo molto intelligente, fornendo a ciascuno il proprio annuncio su misura. Lo fa benissimo, guadagna e fa guadagnare. Come fa a farlo così bene? Acquisendo informazioni. Le nostre informazioni, che forniamo gratis. Cosa facciamo, cosa cerchiamo, dove andiamo con l’auto (grazie ai gps sui telefonini che si integrano con Google Now), cosa leggiamo… Grazie al Nest, sapranno di più. Quando siamo in casa, quante volte passiamo davanti al termostato (quindi, come siamo “attivi” in casa…), che abitudini abbiamo nel nostro gestire il caldo e il freddo. Che uso farà Google di queste informazioni? Buono, a sentire Page e Brin. Ottimo per il business, a sentire gli analisti.

Che gadget ti metti? Tutte le novità del wearable tech
VAI ALLA GALLERY (N foto)

15 gennaio 2014 Carlo Dagradi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us