Innovazione

Google Maps si perde… nella legislazione europea

Sembra che violino la privacy degli utenti.

di
Google Maps torna su iOS per la gioia di tutti. Ma sarà vero? Secondo Marit Hansen, esperta in legislazione europea sulla privacy, no. Perché i termini del servizio di Mountain View violerebbero la protezione dei dati personali.

"Una spunta non è una richiesta di approvazione informata"

Urlo strozzato

Ovvero da quando Apple aveva reso disponibile iOS 6 e aveva rimpiazzato le Google Maps con le sue Apple Maps.

made in Cupertino

Quindi, quando l’altro giorno Google aveva finalmente presentato l’applicazione ottimizzata per iPhone 5 delle sue mappe,

Privacy violata - Secondo Marit Hansen, esperta in legislazione europea sulla privacy, una clausola dei termini di servizio e privacy violerebbe la legislazione europea relativa alla protezione dei dati personali. Appena scaricata, infatti, impone di accettare i termini del servizio, pena l'impossibilità di utilizzarla. Google però, tra le righe, però, chiede agli utenti di poter tracciare i loro spostamenti per migliorare il servizio, con l’assicurazione che i dati inviati e trattati dai server di Mountain View resteranno anonimi. Ed è la definizione di anonimi a generare, secondo la Hansen, il casus belli.

Dati personali - Secondo Google, infatti, i dati resterebbero comunque collegabili all’utente che li ha generati. Insomma, l’anonimato non sarebbe totalmente garantito e il colosso del web G entrerebbe, di conseguenza, in possesso di dati strettamente personali. «Questi dati - afferma Mark Jansen, avvocato specializzato in questioni IT - devono essere considerati come dati personali. Quando Google immagazzina dati come le strade percorse dovrebbe ottenere dall’utente un consenso informato e una semplice spunta su un’opzione in fase di download non può essere considerata tale». (sp)

Le Google Maps per iOS sono tornate!

17 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us