Innovazione

Google Car: carta moschicida contro gli incidenti

L'ultima proposta per le auto senza pilota prevede un rivestimento appiccicoso da applicare sul cofano: in caso di collisione, il pedone rimarrebbe "incollato" e al sicuro.

Trappola per pedoni o stratagemma salvavita? L'ultimo brevetto proposto per ridurre i danni inferti dalla Google Car in caso di incidenti ripesca una tattica da casa di campagna: la carta moschicida.

Un rivestimento appiccicoso da applicare sul cofano e sfoderare al bisogno catturerebbe il passante investito, evitando che il poveretto rimbalzi sulla vettura, sull'asfalto o su un'altra auto. Preverrebbe, cioè, il cosiddetto "impatto secondario", la parte più mortale degli incidenti che coinvolgono persone.

Al momento giusto. Uno strato friabile simile a un guscio d'uovo coprirebbe l'adesivo in condizioni normali, evitando che la Google Car diventi un ricettacolo di moschini: il biadesivo umano si scoprirebbe soltanto in caso di impatto.

Dove verrebbero applicati gli adesivi, in base al brevetto di Google 9340178. © Google

Problema reale. L'idea deve aver fatto sorridere anche quelli di Big G, che si sono affrettati a dire che l'esistenza di un brevetto non significa che verrà realizzato. La proposta semiseria si inserisce comunque in un piano preciso: quello di ridurre al minimo i già pochi (e quasi sempre dovuti all'uomo) danni da incidenti con i veicoli autonomi.

Estendiamola a tutti! Elogi all'idea sono arrivati da molti - divertiti - esponenti del mondo accademico. C'è chi apprezza il fatto che si stia pensando alla sicurezza all'esterno del veicolo, e non solo a quella nell'abitacolo; chi la considera una variante fantasiosa di un airbag esterno, ideale per i veicoli a bassa velocità come le auto robotiche; e chi la vedrebbe bene anche sui veicoli non autonomi.

Niente più pirati. Avere una persona incollata al cofano costringerebbe l'autore della collisione a occuparsene, senza fuggire via. Qualche problema si crerebbe però sulla sicurezza: con un pedone dolorante a ostruire la visuale, sarebbe complicato accostare e liberare la strada. Inoltre, gli arti o i vestiti del poveretto rischierebbero di finire sotto alle ruote.

21 maggio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us