Innovazione

Google Car: carta moschicida contro gli incidenti

L'ultima proposta per le auto senza pilota prevede un rivestimento appiccicoso da applicare sul cofano: in caso di collisione, il pedone rimarrebbe "incollato" e al sicuro.

Trappola per pedoni o stratagemma salvavita? L'ultimo brevetto proposto per ridurre i danni inferti dalla Google Car in caso di incidenti ripesca una tattica da casa di campagna: la carta moschicida.

Un rivestimento appiccicoso da applicare sul cofano e sfoderare al bisogno catturerebbe il passante investito, evitando che il poveretto rimbalzi sulla vettura, sull'asfalto o su un'altra auto. Preverrebbe, cioè, il cosiddetto "impatto secondario", la parte più mortale degli incidenti che coinvolgono persone.

Al momento giusto. Uno strato friabile simile a un guscio d'uovo coprirebbe l'adesivo in condizioni normali, evitando che la Google Car diventi un ricettacolo di moschini: il biadesivo umano si scoprirebbe soltanto in caso di impatto.

Dove verrebbero applicati gli adesivi, in base al brevetto di Google 9340178. © Google

Problema reale. L'idea deve aver fatto sorridere anche quelli di Big G, che si sono affrettati a dire che l'esistenza di un brevetto non significa che verrà realizzato. La proposta semiseria si inserisce comunque in un piano preciso: quello di ridurre al minimo i già pochi (e quasi sempre dovuti all'uomo) danni da incidenti con i veicoli autonomi.

Estendiamola a tutti! Elogi all'idea sono arrivati da molti - divertiti - esponenti del mondo accademico. C'è chi apprezza il fatto che si stia pensando alla sicurezza all'esterno del veicolo, e non solo a quella nell'abitacolo; chi la considera una variante fantasiosa di un airbag esterno, ideale per i veicoli a bassa velocità come le auto robotiche; e chi la vedrebbe bene anche sui veicoli non autonomi.

Niente più pirati. Avere una persona incollata al cofano costringerebbe l'autore della collisione a occuparsene, senza fuggire via. Qualche problema si crerebbe però sulla sicurezza: con un pedone dolorante a ostruire la visuale, sarebbe complicato accostare e liberare la strada. Inoltre, gli arti o i vestiti del poveretto rischierebbero di finire sotto alle ruote.

21 maggio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us