Google Car: carta moschicida contro gli incidenti

L'ultima proposta per le auto senza pilota prevede un rivestimento appiccicoso da applicare sul cofano: in caso di collisione, il pedone rimarrebbe "incollato" e al sicuro.

cartamoschicida
Colpito (e catturato): un'immagine tratta dal brevetto di Google 9340178.|Google

Trappola per pedoni o stratagemma salvavita? L'ultimo brevetto proposto per ridurre i danni inferti dalla Google Car in caso di incidenti ripesca una tattica da casa di campagna: la carta moschicida.

 

Un rivestimento appiccicoso da applicare sul cofano e sfoderare al bisogno catturerebbe il passante investito, evitando che il poveretto rimbalzi sulla vettura, sull'asfalto o su un'altra auto. Preverrebbe, cioè, il cosiddetto "impatto secondario", la parte più mortale degli incidenti che coinvolgono persone.

 

Al momento giusto. Uno strato friabile simile a un guscio d'uovo coprirebbe l'adesivo in condizioni normali, evitando che la Google Car diventi un ricettacolo di moschini: il biadesivo umano si scoprirebbe soltanto in caso di impatto.

 

 

Dove verrebbero applicati gli adesivi, in base al brevetto di Google 9340178. | Google

 

Problema reale. L'idea deve aver fatto sorridere anche quelli di Big G, che si sono affrettati a dire che l'esistenza di un brevetto non significa che verrà realizzato. La proposta semiseria si inserisce comunque in un piano preciso: quello di ridurre al minimo i già pochi (e quasi sempre dovuti all'uomo) danni da incidenti con i veicoli autonomi.

 

Estendiamola a tutti! Elogi all'idea sono arrivati da molti - divertiti - esponenti del mondo accademico. C'è chi apprezza il fatto che si stia pensando alla sicurezza all'esterno del veicolo, e non solo a quella nell'abitacolo; chi la considera una variante fantasiosa di un airbag esterno, ideale per i veicoli a bassa velocità come le auto robotiche; e chi la vedrebbe bene anche sui veicoli non autonomi.

 

Niente più pirati. Avere una persona incollata al cofano costringerebbe l'autore della collisione a occuparsene, senza fuggire via. Qualche problema si crerebbe però sulla sicurezza: con un pedone dolorante a ostruire la visuale, sarebbe complicato accostare e liberare la strada. Inoltre, gli arti o i vestiti del poveretto rischierebbero di finire sotto alle ruote.

 

 

21 Maggio 2016 | Elisabetta Intini