Innovazione

Google: cancellatevi così

La grande G del Web obbedisce alla Corte Europea e pubblica un modulo col quale ognuno di noi può richiedere che informazioni e i nostri dati personali non compaiano tra i risultati del motore di ricerca.

Un paio di settimane fa la decisione della Corte europea di giustizia di Lussemburgo, secondo cui ogni persona ha il diritto di cancellare dal Web le informazioni apriva un interrogativo: come si sarebbe comportato Google?

La risposta è arrivata per bocca del suo capo, Larry Page, durante un'intervista. Page ha preso atto della sentenza e ha deciso di rendere immediatamente disponibile, ai cittadini europei che ne sentissero la necessità, un modulo col quale si può richiedere di cancellare i risultati delle ricerche che includano il loro nome "qualora tali risultati siano inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati".

Per inviare la richiesta basta aprire questa pagina di supporto di Google, indicare i link "incriminati" (che si desidera eliminare dalla lista dei risultati quando nella pagina compaia anche il nostro nome) e inserire copia digitale di un documento di identità: una misura, questa, che Google ritiene necessaria soprattutto per prevenire "richieste di rimozione fraudolente da parte di persone che si spacciano per qualcun altro". Richieste, che sarebbero molto numerose, inviate per danneggiare concorrenti commerciali o per rendere indisponibili informazioni di carattere legale.

Vuoi sapere tutto su come funziona la dimenticanza? Nel numero di Focus in edicola dal 21 maggio al 19 giugno 2014 abbiamo preparato un dossier sull'oblio... sia quello nel nostro cervello sia quello on line.

E dopo?
Inviata la richiesta, che succede? Tanto per cominciare, la cancellazione non arriva in automatico. Google si riserva infatti di verificarla e di valutare di volta in volta se davvero ci siano gli estremi per un diritto all'oblio o se, al contrario, non esistano ragioni di pubblico interesse per negare tale diritto (per esempio nel caso di persone condannate per frodi o per negligenze professionali). Quel che certo è che, positivo o negativo, l'esito della richiesta non sarà immediato perché si prevede che la quantità di domande inoltrate sarà notevole...

Per chi ne avesse bisogno, il modulo per richiedere di essere... dimenticati da Google è qui.

30 maggio 2014 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us