Innovazione

Gli inglesi sempre mezzi ubriachi su Facebook

Poche foto pubblicate su Facebook superano la prova del palloncino.

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

È in edicola il primo numero di Crime & Scienza... dell'editore di Jack e Focus

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Un recente studio sulle foto degli utenti britannici su Facebook ha rivelato che oltremanica non solo si beve troppo ma anche che, senza freni inibitori dopo qualche bicchiere di troppo, tutti corrono a pubblicare le “prove” dell’ubriachezza, propria e altrui, sul famoso social network. Colpa degli smartphone?

L’inglese medio, insomma, beve troppo e lo si può dedurre anche dai tag su Facebook: tre quarti delle foto pubblicate ritrae qualcuno sotto l’effetto di alcolici. Da solo, o in compagnia di altri amici, altrettanto alticci. Un sondaggio, infatti, ha chiesto ai frequentatori del social network di indicare in quante foto erano stati immortalati con una birra o un drink in mano, o subito dopo essersi presi una bella sbronza. Il risultato è sorprendente: circa il 76% delle loro fotografie è in un qualche modo collegata all’alcool.

Rebecca Huggler, co-fondatrice di MyMemory che ha ideato e condotto il sondaggio, è ben consapevole che, al giorno d’oggi, gran parte delle foto finisca online. "Volevamo scoprire quante immagini di questo genere circolassero nei social network", ha affermato. Forse in vista dell’introduzione della Timeline che ci toglierà la scusa di dire… quella volta? Ero sbronzo!

I ricercatori hanno inoltre esaminato le impostazioni sulla privacy, notando che solo il 12% dei 1.781 utenti di Facebook intervistati seleziona a chi far vedere le sue fotografie. Il 58% ne permette la visione ai propri amici e addirittura il 26% le dà in pasto a chiunque. Più della metà degli intervistati ammette di aver pubblicato degli scatti che li ritraggono in situazione che sarebbe meglio non mostrare ai colleghi di lavoro. E l’8% ammette che alcune immagini potrebbero metterli nei guai sul posto di lavoro. Un 65% di buontemponi ha confessato di avere taggato di proposito degli amici in situazioni e pose particolarmente imbarazzanti, e il 93% ha rivelato di togliere i tag che li riguardano da parecchie fotografie - e di doverlo fare regolarmente - perché prova vergogna per il contenuto dello scatto.

Chissà se anche gli italiani hanno lo stesso problema! (sp)

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Trucchi & consigli - Chi guarda il tuo profilo di Facebook?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

16 dicembre 2011 Michela Santagostino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us