Innovazione

Gli aerei del futuro voleranno a stormo?

Servirà a risparmiare carburante

di
Airbus sostiene che, entro il 2050, vedremo aerei di linea volare a stormo come gli uccelli. Perché? Servirà a ottimizzare l'aerodinamica e a risparmiare carburante. La natura insegna...

"L'aviazione civile sarà finalmente sostenibile?"

Ripensare il volo -

la visione al 2050 di come sarà l'aviazione civile

Volo a stormo - La soluzione per ridurre i consumi di carburante durante il volo - e di conseguenza le emissioni di CO2 - potrebbe essere quella di volare in stormo: una decina di aerei che solcano insieme i cieli su rotte prestabilite, abbattendo in questo modo l'attrito aerodinamico. Una strategia che garantirebbe anche una maggiore velocità, a fronte di consumi inferiori. Gli velivoli, per risparmiare carburante durante gli atterraggi, invece, potrebbero sfruttare traiettorie più ripide e motori al minimo della potenza. L'aria spostata dagli aerei durante gli atterraggi e i decolli, infine, potrebbe essere usata per produrre energia elettrica dal minieolico. Energia con la quale spingere gli aerei a terra, eseguendo il rollaggio a motori spenti.

Serve collaborazione - L'idea presentata da Airbus è affascinante, ma per nulla semplice da realizzare perché comporta una vera e propria rivoluzione nel settore dell'aviazione. Per volare in stormo, per esempio, servono molti aerei che viaggiano tutti contemporaneamente su rotte simili. Impensabile a meno di accorpare le rotte di compagnie diverse disposte a far strada insieme. La gestione elettrica degli spostamenti a terra, poi, prevede aeroporti completamente riprogettati. Il lavoro da fare, insomma, è ancora molto ma, come spiega il dirigente di Airbus Charles Champion nel video qui sotto - con un tremendo accento francese - con la buona volontà di tutti gli attori è un progetto fattibile. (sp)

15 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us