Tecnologia

Fisica per rockstar

È indispensabile avere a disposizione tecnologie fantascientifiche per studiare la materia? No, a un fisico inglese è bastato un vecchio amplificatore e un po' di fantasia. (Alessandro Bolla, 3 dicembre 2008)

Se è vero che l'Lhc, il Large Hadron Collider al Cern di Ginevra, è destinato a rivoluzionare la storia della fisica, è altrettanto vero che un bravo ricercatore deve sapersi arrangiare anche con strumenti meno (a volte molto meno) avanzati. Andrew Murray, un fisico dell’Università di Manchester, ha per esempio risolto con il vecchio amplificatore della sua chitarra elettrica un problema che affligge gli scienziati da decenni: tenere "fermi" gli atomi quando vengono bombardati con fasci di elettroni, passaggio indispensabile nello studio di numerosi fenomeni subatomici.
AUTOSCONTRO PROTONICO Dato che nemmeno il congelamento a temperature prossime allo zero assoluto (-273,15 °C, la temperatura alla quale la materia ha la minore energia cinetica) permette di immobilizzare gli atomi, gli scienziati non possono fare altro che colpirli quando sono in movimento. Questa operazione genera però un effetto Doppler le cui conseguenze sui risultati degli esperimenti sono difficili da interpretare ed eliminare. Una possibilità potrebbe essere quella di bloccare gli atomi in una trappola elettromagnetica, spegnerla e bombardarli con gli elettroni subito dopo. Ma il campo elettromagnetico che immobilizza le particelle impiega circa 20 millisecondi ad annullarsi del tutto e in quell’intervallo di tempo gli atomi riescono a "scappare". Riuscire a spegnere quel campo elettromagnetico istantaneamente, e nello stesso momento colpire gli atomi, è ciò che gli scienziati cercano di fare da decenni.
SCIENZA E FANTASIA Murray è riuscito nell’intento utilizzando la bobina del suo amplificatore. A differenza degli avvolgimenti comunemente impiegati dai fisici, quelli utilizzati negli altoparlanti funzionano a corrente alternata (vedi anche elettricità): questo fa sì che tra un ciclo e l’altro di "alternanze" ci sia un momento in cui i campi magnetici all’interno del dispositivo si annullano a vicenda. E in quella frazione di secondo l’atomo è intrappolato, è immobile e può essere colpito. Questa semplice soluzione permetterà ai ricercatori di simulare gli impatti ad altissima energia dei raggi cosmici sull’atmosfera del nostro pianeta.

3 dicembre 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us