Innovazione

FireSat: 200 satelliti della Nasa per individuare incendi ed esplosioni

Entro il 2018 entreranno in funzione duecento satelliti con sensori termici, capaci di rilevare in pochi minuti incendi, esplosioni e altre improvvise variazioni importanti di calore.

La Nasa sta realizzando una rete di duecento satelliti in grado di individuare gli incendi direttamente dallo spazio, a 15 minuti dal momento in cui si levano le prime fiamme. Si chiama FireSat ed entrerà in funzione a partire da giugno 2018. Una volta operativo, sarà ufficialmente il sistema di monitoraggio più completo e veloce mai esistito.

Il Fire Sat nella simulazione della Nasa. CLICCA QUI per far partire l'animazione. © Quadra Pi R2E


Tecnologia a infrarossi. I duecento satelliti ideati dal Jet Propulsion Laboratory della Nasa sono equipaggiati con sensori termici a infrarossi in grado di riconoscere quando una fiamma si eleva ad almeno 10-15 metri dal suolo. Ma l'attività di FireSat non si limita solo ai classici incendi: il sistema individua anche tutti gli altri incidenti in cui si verifica un aumento considerevole di calore, come esplosioni o fuoriuscite di petrolio.


Soccorso immediato. Scopo dichiarato per questa tecnologia è l'intervento veloce: dopo aver localizzato l'incendio, nel giro di tre minuti i satelliti avvisano i responsabili dell'area coinvolta, inviando foto del fenomeno in tempo reale (una al minuto). FireSat sarà dunque utile nel caso di incendi boschivi o di fuochi in zone remote perché senza bisogno di attendere l'allarme di qualcuno sul posto, i soccorritori in contatto con il sistema della Nasa potranno organizzare un intervento immediato e commisurato all'entità del disastro in corso.

25 novembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us