Innovazione

Firefox 4 sul banco di prova

Look, velocità e funzionalità.

Da circa una settimana sto testando la beta 6 del noto browser Mozilla Firefox per la navigazione giornaliera. Ecco le mie impressioni.

Velocità: la velocità di rendering delle pagine è notevolmente migliorata, tranne per qualche pagina che ha difficoltà ed è poco reattiva quando si tratta di effettuare uno scrolling. C'è da dire che questo “problema” è molto probabilmente causato dall'aver attivato l'accelerazione hardware, che su alcuni PC (specie il mio portatile da battaglia) può giovare oppure avere un effetto opposto a ciò che si desidera. Il problema si è presentato solo in pagine web che fanno largo uso di animazioni Flash, con conseguente aumento del carico della GPU (che non brillano di certo in quanto a potenza sulla maggior parte dei laptop da lavoro). Mi riservo di riprovarlo sul fisso con scheda video in grado di sopportare carichi di lavoro maggiori.

Look: una interfaccia migliorata e votata alla semplicità, resa compatibile col nuovo menu di Windows7 e con un unico “tastone” arancione dal quale si accede a tutti i sotto-menu classici del browser Mozilla. Il risparmio di spazio sullo schermo è notevole, e dopo il primo momento in cui si rimane spaesati (dove sono i miei menu a tendina?) ci si fa l'abitudine. La soluzione è in linea con quelle prese da Chrome e IE9: semplicità e minimalismo.

Grossa novità nel look è rappresentato da Firefox Panorama, ovvero un sistema di raggruppamento delle schede: grazie a questo sistema chi è solito aprire molteplici schede avrà la vita facilitata. Le schede infatti non sono più indicate da una linguetta col nome della pagina, ma è possibile in ogni momento switchare la visualizzazione in Panorama, che visualizzerà tutte le schede aperte fino a quel momento attraverso delle miniature, permettendo il raggruppamento di esse e l'ingrandimento e rimpicciolimento a seconda dell'importanza che gli attribuite. Una volta cliccata una delle miniature avrete accesso al sito e la visualizzazione tornerà quella classica con le linguette. Sarà possibile tornare a Panorama in qualsiasi momento per organizzare o trovare con più facilità la Tab che cercate.

Piccola novità anche per quanto riguarda il gestore di estensioni: se prima si trattava di una finestra pop-up, ora è integrata nel browser all'interno di una tab. L'estetica di questa tab è migliorabile, ma l'idea è vincente.

Funzionalità: Le nuove funzioni sono innumerevoli, ma vorrei concentrarmi sulla più vistosa che è disponibile sollo dalla beta5, ovvero Sync.

Si tratta grosso modo di un servizio simile a Xmarks, una estensione, ormai disponibile su più browsers (agli albori si chiamava FoxMarks ed era solo per Firefox) che permette di sincronizzare i bookmarks, la cronologia e le passwords.

Ma mentre Xmarks nell'ultimo periodo ha aggiunto le funzionalità di ricerca e di “recensione” dei siti, Sync rimane molto più snello. Da notare che si tratta del primo tentativo di integrare una funzione delicata come la sincronizzazione delle passwords all'interno di un browser di largo uso.

Un'arma a doppio taglio che unisce all'indubbia comodità del servizio il rischio, in caso di falle di sicurezza, della perdita di milioni di passwords.

Conclusioni: Un browser sempre al passo coi tempi e capace di innovare: Chrome è semplice e minimale, IE9 punta tutto sulla velocità, ma Firefox rimane sempre il più innovativo, open e ricco di funzioni. Se non aveste ancora provato la beta vi consiglio caldamente di farlo, aiuterete anche gli sviluppatori a rendere migliore la futura release del browser del panda rosso.

1 ottobre 2010 Raffaele Camoriano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us