Innovazione

Fare PC non basta più: i produttori si (ri)buttano sui cellulari

Anche Lenovo produrrà smartphone

Durante la conferenza stampa per il lancio del nuovo Lephone (Android Smartphone con “vaghe” somiglianze di un portacipria) Lenovo ha annunciato di aspettarsi - nel giro di cinque anni - dal 10 al 20% di utili provenienti dal settore Mobile. Ed è proprio grazie a Lephone che Lenovo proverà a prendere una buona fetta di mercato nell'emergente mercato cinese degli Smartphone.

Dopo aver tralasciato il settore nel primo periodo del 2008, Lenovo dunque ci riprova, spinta più che altro dalla crisi, la quale porta i consumatori a ritardare l'acquisto di un nuovo PC. Inoltre Lenovo è convinta che nei prossimi cinque anni i dispositivi Internet Mobile prenderanno il sopravvento sui PC tradizionali (previsione a mio parere altamente discutibile, ma accettabile). Previsioni che si rifanno al report pubblicato dall'autorevole analista di internet della Morgan Stanley, Mary Meeker, la quale ha fatto notare quanto velocemente sia cresciuta la richiesta di Mobile Internet a dispetto di quello desktop.

Pare comunque che il Trend sia questo: sempre più produttori storici di PC stanno riversandosi su altri settori. E' questo il caso di Dell e del suo Dell Mini 3, cellulare basato su Android che sarà venduto inizialmente solo in Cina e Brasile. Sempre Dell è al lavoro su un tablet che dovrebbe chiamarsi "Dell Streak". Anche Acer ha creato la sua linea di smartphones, che montano sia Windows Mobile che Android.

Non si sbilancia troppo invece HP: lontana dai cellulari fa forte affidamento sull'ormai prossimo HP Slate, un tablet multi touch che "dovrebbe" fare concorrenza all'iPad.

Probabilmente fra i neo arrivati tablet e i sempre più tecnologici smartphones la guerra si svolgerà soprattutto sul fattore “comodità di trasporto”. A quando un tablet pieghevole che telefona?

20 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us