Facebook, la chat e le foto che si auto-distruggono

Qualcuno di voi ricorda l’inizio del film Mission Impossibile con Tom Cruise e la scena del messaggio che auto-distrugge dopo 5 secondi dall’ascolto (con tanto di occhiali da sole)? Bene, Facebook ha in mente un’applicazione meno adrenalinica, ma altrettanto efficace per salvaguardare la privacy delle immagini scambiate in chat.

facebook-snapchat
È l'utente a impostare entro quanto secondi l'immagini o il video sarà distrutto per sempre. Photo credit: 3D Rendering by Norebbo

Chi non è stato taggato in una foto contro la propria volontà o abbia visto la propria immagine pubblicata online senza approvazione?
Facebook non è di certo un luogo dove la riservatezza regna sovrana, ma la chat resta forse ancora l'angolino più riservato dell’intero universo del social di Mark Zuckerberg. E potrebbe diventare a prova di 007 con un’applicazione in stile Snapchat già disponibile per iPhone e smartphone Android. Le indiscrezioni parlando, infatti, del lancio di una chat simile sviluppata da Facebook nelle prossime settimane.

Più privacy per tutti

Il funzionamento della chat nel vero Snapchat è molto semplice: un normale scambio di messaggini con la possibilità di impostare il tempo di auto-distruzione delle immagini e, recentemente, anche dei brevi video inviati. Di solito una manciata di secondi. La versione per Facebook sarà, molto probabilmente, simile. Il rovescio della medaglia di programmi come questo è il potenziale uso nel settore “sexing”. Non è una novità che una delle mode più in voga tra i teenager sia l’invio di foto sessualmente esplicite tramite smartphone. E un’applicazione come Snapchat sembra perfetta per non lasciare tracce compromettenti in giro.

La chat di Facebook diventerebbe a prova di curiosone

Sfida a colpi di scoop fotografici

I big dei social network stanno investendo molto ultimamente sulle applicazioni per smartphone e tablet, e in particolare, sulla condivisione delle foto e sulla chat, a colpi di acquisizioni di programmi di successo o accordi strategici. È sotto gli occhi di tutti la recente guerra tra Facebook e Twitter che cercano di attirare nuovi utenti, o impedirne la fuga, con funzioni fotografiche avanzate come i filtri per modificare le immagini. Facebook, non a caso, ha comprato Instagram per una cifra iperbolica la scorsa estate, mentre Twitter ha iniziato a elargire a piene mani filtri per trasformare ogni scatto condiviso in qualcosa di unico e si è alleato con Pinterest per lo share. Google, ovviamente, non se ne sta a guardare dalla finestra e a settembre compra Snapseed, altro gigante nel settore fotografico mobile. E non vanno dimenticati i rumors sempre più insistenti su una probabile acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook. Messaggini gratis per tutti nel prossimo futuro del social network?

19 Dicembre 2012 | Silvia Ponzio