Innovazione

Entro il 2018 produrre auto elettriche costerà la metà

Scienziati tedeschi intendono dimezzare i costi di produzione.

Il futuro delle automobili risiede nei veicoli a emissioni zero e, in particolar modo, nell'elettrico. Numerosi progetti sono nati con lo scopo di apportare miglioramenti in questo campo, ma uno in particolare, che arriva dalla Germania, ritiene ottimisticamente di poter dimezzare il costo di produzione delle auto elettriche entro il 2018.

Quando si tratta di auto, non si può fare a meno di pensare alla Germania, terra di berline e familiari ineccepibili e di lusso. Oltre al mercato automobilistico, il nostro cugino europeo è leader anche nelle energie verdi, in particolare nel fotovoltaico. Ed è proprio dal sole che ha preso il via questo ambizioso progetto che si propone di dimezzare i costi delle auto elettriche entro i prossimi sette anni. Il progetto, conosciuto come Competence E, vedrà impegnati 250 scienziati provenienti da 25 istituti diversi che focalizzeranno la loro attenzione non tanto sui singoli componenti dei veicoli elettrici - come per esempio, le batterie - quanto piuttosto sui interi sistemi in grado di soddisfare le esigenze industriali.

Ridurre i costi di produzione porterebbe a un significativo abbassamento dei prezzi di acquisto dei veicoli elettrici, allargando la gamma di possibili acquirenti e incrementando, si spera, il numero delle vendite. Le proiezioni che giungono dalla Germania vengono prese in seria considerazione da tutto il mondo: Berlino si è dimostrata essere all'altezza di una situazione economica mondiale difficile, superando la recessione in maniera eccellente, e con un'economia in crescita del 3% nel 2011. (sp)

Le dieci auto più costose al mondo

20 settembre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us