Innovazione

Elezioni USA, il 22% dei votanti fa "outing" sui social network

Gli elettori più giovani stanno usando Facebook e Twitter per comunicare la propria preferenza, convincere gli indecisi ad andare a votare e incoraggiare la scelta di uno dei candidati. Con una partecipazione ancora più "social" rispetto al 2008.

Stanotte tutti gli occhi del mondo sono puntati sull'America: ma è già possibile carpire qualche informazione sui primi risultati analizzando i social network? L'ipotesi non è da escludere. Il 22% di tutti gli aventi diritto al voto ha scelto di condividere la propria preferenza online, secondo uno studio del Pew Research Center appena pubblicato.
Più di un elettore su cinque ha postato su Facebook (Guarda il grafico in tempo reale) o su Twitter il nome del candidato prescelto, soprattutto tra i più giovani chiamati alle urne. Il 29% dei votanti di età compresa tra i 18 e i 29 anni ha dichiarato per chi ha votato sui social, mentre il 34% li ha sfruttati per convincere amici e conoscenti a sostenere l'uno o l'altro candidato.

Guarda anche: le elezioni Usa abbattono i pedaggi dei quotidiani online

Ha deciso di sbandierare la propria scelta il 25% di tutti gli elettori di Obama e il 20% di quelli di Romney (anche se secondo il centro di ricerca questo dato non è predittivo). Il 30% dei votanti intervistati ha riferito di aver ricevuto da conoscenti su Facebook o Twitter suggerimenti su come votare, mentre il 20% ha usato a sua volta Internet per incoraggiare il voto verso il proprio candidato preferito. La ricerca è stata effettuata 1011 americani adulti intervistati tra l'1 e il 4 novembre. Il volume di informazioni condivise sui social media emerso dallo studio è sorprendente e ancora più interessante sarà confrontarlo con quello che interesserà le prossime Presidenziali nel 2016.

Come si vota negli USA: un'infografica per capirlo meglio

Come Twitter potrebbe influire sul voto: vai alla news

Una volta alle urne, però, meglio contenere gli entusiasmi social. Fotografare con lo smartphone la propria scheda di voto, con tanto dei nomi dei candidati prescelti, e postarla su Instagram, come stanno facendo alcuni elettori, è infatti illegale in molti stati. La legge serve a prevenire i casi di compravendita dei voti: chi posta la foto potrebbe averlo fatto per provare a qualcuno che ha votato per un determinato candidato. In Colorado, una foto e una condivisione di troppo potrebbero costare al malcapitato mille dollari (780 euro) di multa e fino a un anno di reclusione. In Michigan e alle Hawaii il voto sarebbe annullato mentre in altri stati è illegale entrare in cabina elettorale con il cellulare: la legislazione varia, comunque, di stato in stato. Meglio quindi essere prudenti e limitarsi - se proprio non si resiste - alle dichiarazioni senza immagini.

Elezioni Usa, 60 anni di spot elettorali in meno di 5 minuti (video)

6 novembre 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us