Innovazione

Eco-auto in stile retrò nel rispetto della natura

La Magnolia Special sarà un grintoso esemplare unico con emissioni ridotte.

Uno degli elementi che più colpisce delle auto elettriche è il loro design innovativo, quasi futuristico, che non piace a tutti. Come a J.T. Nesbitt che ha deciso di costruire una vettura amica dell’ambiente ma allo stesso tempo grintosa, prestazionale e con linee classiche: è la fantastica Magnolia Special.

Quest'auto ricalca appieno le forme dei modelli degli anni '60/'70, con lunghi cofani, cromature su tutta la fiancata, motori di grande cubatura e capelli al vento. L'unica grande differenza, rispetto al passato, riguarda le emissioni di anidride carbonica che sulla Magnolia Special sono molto contenute grazie all'utilizzo del gas naturale compresso come carburante.

L’auto progettata e costruita da J.T. Nesbitt, rispetto ad altri modelli della stessa categoria, offre un 40% in meno di emissioni: davvero non male, vista la sua indole sportiva. Questa roadster è, infatti, spinta da un motore Jaguar di 4200 cm cubici V-6 in linea, lo stesso montato sulla leggendaria E-Type in grado di erogare 200 cavalli e un rapporto coppia-peso migliore che sulla Posche 911. Il tutto è abbinato a un telaio rigido, ammortizzatori moderni e potenti freni a disco. Non manca inoltre una grande attenzione ai particolari, come la lavorazione artigianale del volante, interni degni delle auto più lussuose e insoliti cerchi a raggi.

Il bello di quest'auto, oltre alle linee retrò, sta nel poterla rifornire senza problemi: se avete un sistema di gas naturale in casa, è possibile comprare e installare un convertitore per comprimerlo e poterle fare il “pieno”. Per ora, e forse per sempre, Magnolia Special resterà un esemplare unico, costruito per puro divertimento e passione, come racconta il suo orgoglioso proprietario. (sp)

26 settembre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us