Innovazione

Dopo 5 giorni di blackout Internet torna a funzionare in Egitto.

La protesta continua.

Se avete qualche amico egiziano o qualche conoscente in visita nel vicino paese arabo, l'oscuramento della Rete in quel Paese ordinata dal traballante regime di Hosni Mubarak non vi avrà certamente fatto stare tranquilli negli ultimi 5 giorni.

La protesta, che ha ormai raggiunto dimensioni colossali, purtroppo anche nel numero di morti e feriti, ha avuto la sua origine anche grazie ai social network più diffusi. I movimenti anti-governativi e i semplici cittadini stufi del reazionario dittatore (al potere, pensate, dal 1981) si sono dati appuntamento in piazza Tahrir, nel centro del Cairo. L'affluenza è stata enorme (alcune fonti parlano di 2 milioni di manifestanti) e la contestazione durissima, tanto da costringere Mubarak a ordinare l'oscuramento agli ISP. Nei giorni scorsi, comunque, una collaborazione fra Google e Twitter, con il beneplacito del governo americano, ha permesso ai dissidenti di postare i loro aggiornamenti e le loro notizie tramite la rete mobile, lasciando trapelare le terribili violenze che si stanno verificando.

Oggi la Rete ha riaperto i battenti alle 9:30, anche se la libera fruizione delle informazioni è ben lontana dal divenire realtà. I regimi antidemocratici e illiberali stanno infatti dimostrando una sempre maggiore attenzione nei confronti di Internet, stringendo il loro controllo sui provider di servizi - in questo caso Vodafone Egypt e Etisalat.

3 febbraio 2011 Raffaele Camoriano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us