Innovazione

Disegna anche tu il nuovo logo della British Petroleum

Protesta ironica contro gl'inquinatori.

Il disastro del Golfo del Messico, causato dalla British Petroleum, continua a fare notizia, e quando non è per qualche maldestro intervento della compagnia inglese, che cerca di rimediare al danno causato, ci pensano gli ecologisti a ricordare il dramma dell'ecosistema oceanico. Lo sta facendo in questi giorni anche Greenpeace, che ha promosso un concorso per sfogare in maniera "creativa" la rabbia e la frustrazione del pubblico ambientalista, disegnando un nuovo possibile logo che BP potrebbe adottare nel futuro, sempre che non fallisca a causa dei rimborsi da capogiro che dovrà dare a tutti coloro che sono stati danneggiati dall'ormai tristemente famosa "marea nera".

Il concorso sarà diviso in tre categorie, riservate rispettivamente ai professionisti del disegno, agli under 18 e al pubblico comune: la promessa dell'organizzazione ambientalista è di utilizzare il logo vincente in modo "innovativo ed emozionante", nell'ambito della sua campagna contro il colosso del petrolio. Al vincitore assoluto sarà offerta una session con un top designer, che ne trasformerà l'idea in un logo vero e proprio. Il contest va' avanti fino al 28 giugno, e finora sono già arrivate molte centinaia di disegni: per partecipare, basta iscriversi sul sito ufficiale "Behind the Logo" e realizzare il proprio lavoro in Photoshop, pubblicandolo in seguito su Flickr. Per tutti gli amanti della natura furiosi con BP, una buona occasione per rivalersi, senza mettersi nei guai o andare sul volgare, contribuendo comunque a creare danno all'immagine di quella che è sicuramente la compagnia petrolifera più malvista del mondo.

8 giugno 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us