Innovazione

Deforestazione a zero entro il 2021

La decisione a Cancun.

La conferenza dell'11 dicembre a Cancun delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha avuto l'effetto di sensibilizzare ulteriormente i numerosi paesi che hanno preso parte all'incontro. Paesi che sono toccati da vicino dalle alterazioni dell'ecosistema. Uno fra tutti è il Perù, stato ricoperto da foreste per 72 milioni di ettari (tre volte la Gran Bretagna) e che ha subito i danni della deforestazione.

Solo nel 2000 sono spariti 250.000 ettari, ma Antonio Brack Egg, ministro dell'ambiente, si è posto l'obiettivo di riparare al problema e ridurre a zero il disboscamento entro il 2021. Sono stati convocati i migliori enti sulle ricerche scientifiche, come PSI (Planetary Skin Institute) e NASA, i quali offriranno i loro strumenti di analisi in accordo con il patto chiamato REDD+ stabilito nel summit dell'ONU.

Un dispositivo particolarmente utile sarà ALERTS, un sistema di valutazione e resoconto sul cambiamento del territorio che sfrutta i dati della NASA e complicati algoritmi studiati dai ricercatori dell'Università del Minnesota. Mentre l'impianto PRODES, dell'agenzia spaziale brasiliana, utilizza esclusivamente immagini da satellite per piccole zone, ALERTS permette di ottenere ricerche e risultati a livello globale.

Spicca anche il Woods Hole Research Centre del Massachusetts che si dedica da molto tempo alle analisi sulle foreste tropicali. In questo caso il dispositivo impiegato è stato GLAS che, attraverso i raggi laser, ha potuto calcolare il livello di carbonio immagazzinato nel sottosuolo.Anche la NASA l'ha utilizzato, ma integrandolo con altri studi e immagini satellitari più precise.

Scirtto da: Alice Ajmar

21 dicembre 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us