Innovazione

Con la trivella di Google l'energia arriva dritta dal sottosuolo

Nuovo progetto verde per Google.

Una trivella ecologica ad acqua calda che renda più economica e quindi conveniente da produrre l'energia geotermica, una delle fonti "pulite" che in futuro potrebbe portare al superamento della dipendenza dal petrolio. Ne sono convinti i suoi finanziatori a Google.org, il braccio filantropico del gigante della new economy: ispirato a un motore di jet, il nuovo dispositivo realizzato dalla Potter Driller sarà utilizzato per bucare la roccia profonda, dove si raggiunge una temperatura superiore ai 200 gradi centigradi, procedendo poi a pompare acqua nel buco. La roccia bollente fratturata renderà sempre più calda anche l'acqua, che tornata in superficie sarà utilizzata per mettere in funzione turbine e produrre elettricità.

Questi sono i principi degli EGS (Sistemi geotermici avanzati), che possono essere applicati praticamente ovunque e, secondo una ricerca del MIT di Boston, se riuscissero ad estrarre appena il 2% dell'energia imprigionata nelle rocce sotterranee tra i 3 e i 10 km di profondità del sottosuolo degli USA, avrebbero prodotto ben 2mila 500 volte il fabbisogno annuo di energia di quel paese. I progetti simili già avviati in Australia, Islanda e Germania hanno fruttato migliaia di megawatt, e in queste realtà le centrali geotermiche sono utilizzate come base del sistema elettrico, visto che sono produttive per circa il 90% del tempo senza praticamente produrre gas serra, mentre la percentuale di quelle basate su combustibili fossili è ferma tra il 65 e il 75%. Il sistema EGS, dopo essere stato in fase di prova per due anni, sarà sperimentato per la prima volta ad agosto di quest'anno e potrebbe creare nuove e finora impensabili frontiere nella produzione di energie rinnovabili.

20 maggio 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us