Innovazione

Computer games? Giochi da ragazze

Un tempo destinati solo ai giovani maschi, i computer games interessano sempre di più al pubblico femminile, che tra l'altro ha le doti giuste pe vincere.

Computer games? Giochi da ragazze
Un tempo destinati solo ai giovani maschi, i computer games interessano sempre di più al pubblico femminile, che tra l'altro ha le doti giuste pe vincere.

Passare il proprio tempo libero giocando con i computer games, non è più una prerogativa tipica dei giovani maschi: un numero sempre maggiore di ragazze si diverte nello stesso modo. Non solo. I giochi preferiti non sono quelli ritagliati per il sesso femminile, giochi di ruolo in cui le relazioni sociali hanno un aspetto prevalente. Contrariamente allo stereotipo, le ragazze sono sempre più attratte dai giochi più classici, in cui compaiono guerre, scontri di potere, e nei quali le protagonsite sono donne con le caratteristiche tipiche delle pin up. Secondo i ricercatori dell’Università della Carolina, che hanno compiuto lo studio, circa il 20 per cento di chi si dedica ai giochi di ruolo è si sesso femminile, e la precentuale sale, fino a superare in alcuni casi quella dei maschi, nei giochi tipo domino o solitario.
Caratteristiche vincenti. Tra le motivazioni che spingono le ragazze a giocare, c’è comunque la socializzazione: giocare, connettendosi on line per proseguire il gioco come accade attualmente, significa comunque far parte di una comunità di oltre 40 mila persone, con le quali si possono scambiare pareri e fare amicizie. La capacità mantenere relazioni e stabilire connessioni tra ambiti diversi tra l'altro, le facilita nel gioco e spesso le porta a vincere con facilità.

(Notizia aggiornata al 9 settembre 2002)

20 agosto 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us