Innovazione

Come viene fatto il guanto di paraffina?

Il guanto di paraffina serve a scoprire se una persona ha sparato da poco. Il materiale dell’innesco dei proiettili (solfuro di antimonio, nitrato di bario e stifnato di piombo) vaporizza con lo...

Il guanto di paraffina serve a scoprire se una persona ha sparato da poco. Il materiale dell’innesco dei proiettili (solfuro di antimonio, nitrato di bario e stifnato di piombo) vaporizza con lo sparo, risolidifica rapidamente e si deposita sulle mani, sul viso e sugli abiti della persona, in particelle microscopiche. Esistono soluzioni chimiche (difenilamina solforica o la soluzione di Gries) che reagiscono con questi residui di combustione, ma sono corrosive e perciò non possono essere usate sulla pelle. Si usa allora la paraffina, scaldandola e cospargendola sulle mani del sospettato. Essa forma uno strato solido (un “guanto”), inglobando le tracce dell’esplosione. Poi si rimuove e si effettua su di essa l’analisi con le sostanze chimiche di cui si è detto: i residui di combustione risalteranno sotto forma di macchie blu. Ma i reagenti usati con questo metodo si comportano allo stesso modo con altre sostanze: fertilizzanti, saponi, o alcuni tipi di vio. Si rischia quindi di accusare di delitti gravissimi persone che per caso hanno toccato una di queste sostanze. Il guanto di paraffina, nato nel 1914, è stato così abbandonato. Per raccogliere i residui si usa ora lo “stub”: è un supporto metallico sul quale è incollato un nastro adesivo, che viene passato sulle mani e sugli abiti del sospettato. Le particelle di bario, antimonio e piombo eventualmente raccolte vengono poi individuate in laboratorio con un microscopio elettronico.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us