Come funziona la macchina della verità?

La macchina della verità è un insieme di strumenti di misurazione collegati ad aghi scriventi. I primi rilevano dati fisiologici e gli aghi li trascrivono su carta sotto forma di tracciati...

La macchina della verità è un insieme di strumenti di misurazione collegati ad aghi scriventi. I primi rilevano dati fisiologici e gli aghi li trascrivono su carta sotto forma di tracciati paralleli, in modo che possano essere confrontati. I dati sono indicatori dello stato di ansia, e sono: 1) la respirazione toracica e addominale, misurata con due tubi pneumatici di gomma posti intorno all’addome e al torace; 2) la sudorazione, rilevata da elettrodi posti sui polpastrelli; 3) l’attività cardiovascolare, analizzata misurando il polso e la pressione con uno sfigmomanometro. Al soggetto sottoposto al test vengono poste delle domande e contemporaneamente sono registratele sue reazioni fisiologiche: respirazioni più profonde, aumenti della sudorazione o della pressione sanguigna, accelerazione del polso sono segnali di ansietà. Se si riscontrano alterazioni su almeno due tracciati si ritiene probabile che il soggetto menta. Ma la macchina della verità non può individuare con certezza chi mente, può solo rivelare le reazioni emotive. Per questo è ritenuta inaffidabile, sebbene in alcuni Paesi, come Usa e Israele, la polizia continui a farne uso. Inoltre è possibile falsare i risultati, per esempio controllando la respirazione.

28 Giugno 2002