Innovazione

Cinque aziende partecipano all'asta per le nuove frequenze

Inizia l'asta per il 4G

Quando si tratta di navigare online l'unica cosa importante è la velocità di connessione ed a breve grazie alle nuove frequenze 4G potremo viaggiare a ben 100 megabit al secondo semplicemente con i nostri cellulari. Naturalmente come ogni nuova tecnologia che si rispetti il tutto parte con un'asta dove le aziende interessate manifestano la loro volontà di investire in tale proposito.

E' di oggi la notizia che le domande pervenute al ministero dello Sviluppo Economico sono cinque e nel particolare da parte di Telecom Italia, Wind, Vodafone, H3g e Linkem. Niente di nuovo per quanto riguarda i primi nomi mentre meno conosciuto è sicuramente l'ultimo dei cinque. Linkem infatti non è un operatore telefonico ma tratta in Italia soluzioni wireless come il tanto citato Wimax raggiungendo al momento centinaia di comuni attraverso un sistema capillare che con molta probabilità cercherà nei prossimi anni di coprire la totalità del territorio nazionale.

Siamo naturalmente solo agli inizi e nei prossimi mesi all'interesse dovrà corrispondere una offerta economica che differirà sulla base degli investimenti scelti, la speranza comunque è quella di una diffusione alquanto veloce di questa nuova tecnologia in modo da poter sopperire sempre maggiormente alle famose difficoltà geografiche che caratterizzano il nostro Bel Paese.

Vi terremo aggiornati nei prossimi mesi con eventuali aggiornamenti.

Mario De Rosa

27 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us