Innovazione

Chrome e Google Drive anche per iPhone e iPad

Non ci sono le stesse funzioni di Android.

di
Le versioni definitive di Chrome e Google Drive per iOS sono state presentate in chiusura dell’evento Google I/O 2012 con una dimostrazione direttamente - strano ma vero - da un iPhone e un iPad. Apple, però, “intralcia i lavori” e non permette, almeno per ora, un corretto sviluppo delle due applicazioni.

"Offrono solo un’idea delle potenzialità presenti in Android"

Gran finale

il relativo lancio, del suo browser Chrome

del servizio cloud Drive nella versione per i gioiellini Apple

Talento inespresso - Anche Google, come tutti d’altronde, ha dovuto lasciare all’ingresso dell’App Store alcune tecnologie come il suo motore in Javascript in favore di quello standard WebKit (accettato da Apple) e, ovviamente, il supporto ad Adobe Flash. Due applicazioni “monche”... Chrome non è in grado di sprigionare tutta la potenza tipica della “normale” versione mobile per Android e Google Drive consente l’accesso ai documenti online, ma non la possibilità di modificarli. Esiste, in pratica, solo la modalità in “sola lettura”. È comunque un inizio…

Brevetti e restrizioni - Apple si sa, non facilita la vita a chi decide di sviluppare applicazioni che vanno contro le “sue” regole, quindi, Chrome e Drive - almeno per ora - restano un ibrido in attesa di miglioramenti, nella speranza che Cupertino allenti un po' la morsa nei prossimi mesi. Oppure Google riesca in qualche modo, nonostante le limitazioni, a inventarsi due applicazioni in grado di offrire le stesse prestazioni a cui sono abituati da tempo gli utenti di Android. (sp)

E se l'iPhone 5 fosse così? Scegli il migliore!

2 luglio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us