Speciale
Domande e Risposte
Innovazione

Chi ha inventato il telecomando?

All'inizio aveva il filo, poi una fotocellula che ogni tanto faceva le bizze. La svolta del telecomando fu nel 1956.

I primi telecomandi (anzi, sarebbe meglio dire “comandi remoti”) per il televisore furono sviluppati dalla ditta americana Zenith Radio Corporation negli anni Cinquanta. Erano a filo, cioè collegati con un cavo all’apparecchio televisivo. Intorno al 1955, nella stessa azienda, fu sviluppato il Flashmatic, un comando remoto senza filo che si basava su un fascio di luce emesso dal dispositivo e raccolto da una fotocellula sul televisore. Aveva però uno svantaggio non da poco: la luce diretta del sole poteva attivare inavvertitamente la fotocellula.

Arrivano gli ultrasuoni. Il balzo in avanti fu compiuto nel 1956 grazie a Robert Adler, sempre della Zenith, che realizzò un comando remoto che funzionava a ultrasuoni, in grado di variare il volume e di cambiare canale. Si chiamava Zenith Space Command.

Per quanto rudimentale, il meccanismo di funzionamento era geniale: quando si premeva un tasto, un martelletto batteva su una barra di alluminio, producendo un "suono" ad alta frequenza che innescava i ricevitori a valvole del televisore. Questo strumento risultò così comodo che l'invenzione spinse i consumatori ad acquistare 30mila nuove tv a partire dal 1958, quando fu commercializzato su larga scala. E in pochi si preoccuparono del fatto che il telecomando ne faceva lievitare di un terzo il prezzo. Adler e il manager della Zenith che lavorava con lui, ebbero vari premi per questa innovazione.

I primi telecomandi avevano solo 2,3 o 4 tasti con comandi molto semplici: accendere e spegnere la tv, passare al canale successivo e regolare l'audio.

I telecomandi a ultrasuoni furono utilizzato per oltre 25 anni, fino a quando furono rimpiazzati da quelli a infrarossi, in grado di trasmettere al televisore anche comandi più complessi.

11 aprile 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us