Innovazione

Che cos’è l’ESP e come funziona?

I segreti del sistema che evita fino all'80% degli incidenti causati da sbandamenti.

Dal prossimo mese di novembre, sarà fornito come dotazione standard in tutte le automobilli di nuova immatricolazione in Europa. Parliamo dell’ESP (la sigla sta per Programma Elettronico di Stabilità), l'ormai celebre sistema antisbandata ideato nel 1995 dalla Bosch che, secondo alcuni studi, può evitare fino all'80% degli incidenti dovuti a sbandamento.

Come funziona?
Alcuni sensori, posizionati sulle 4 ruote dell’auto e sullo sterzo, inviano segnali ad un microcomputer, che verifica che la direzione di marcia corrisponda effettivamente alle intenzioni del guidatore. In pratica 25 volte al secondo l'ESP controlla dove vuole andare il conducente e dove, in realtà, sta andando il veicolo.

In caso di guai
Se l’auto sbanda per un errore del guidatore o a causa di una manovra veloce per evitare un ostacolo improvviso che si presenta in mezzo alla strada, l’ESP interviene prontamente, in modo più rapido di quanto possa fare l’uomo.
L’ESP può frenare ogni singola ruota, indipendentemente l’una dall’altra, in misura diversa affinché l’autoveicolo mantenga la corretta traiettoria. L’ESP, inoltre, può intervenire anche per "dosare" la potenza del motore.

Prevenire è meglio
Si tratta, come per il "mitico" ABS, di un sistema di sicurezza attivo: è cioè in grado di intervenire prima che avvenga l’incidente, evitandolo. I costruttori di auto ne hanno riconosciuto l'efficacia e l'utilità al punto che, attualmente, il 78% delle vetture europee lo ha a bordo.

19 maggio 2014
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us