Innovazione

Cellulare aziendale? Lavori di più!

E la vita privata va a rotoli

Una ricerca americana condotta su 3.500 mobile worker, ossia chi non sta rinchiuso per tutto il tempo in ufficio, rileva che questa tipologia di lavoratori ha difficoltà a separare la vita privata da quella lavorativa con conseguenti ripercussioni (negative) in famiglia e con il partner.

“Il 90% dei lavoratori mobile intervistati ha problemi con il partner a causa del telefonino”

Vita più smart? - Il cellulare ha cambiato un po’ la vita di tutti. Secondo un’indagine condotta da iPass sui cosiddetti mobile worker, ossia chi passa la maggior parte del loro tempo lontani dalla scrivania, la vita ha subito una vera rivoluzione: non sono più in grado di separare il tempo da dedicare alla carriera e quello da destinare alla famiglia o al partner. E le conseguenze non sono affatto piacevoli.

A letto con il cellulare - iPass ha analizzato le abitudini di utilizzo del cellulare da parte di 3.500 lavoratori impiegati presso 1.100 grandi aziende americane. È emerso che il 61% degli intervistati tiene il telefono in camera da letto e il 41% lo lascia sul comodino. Il 39% confessa di svegliarsi nel mezzo della notte per controllare se ha ricevuto qualche chiamata, sms o email, una cifra che balza al 58% quando lo smartphone è a portata di mano. E al massimo? L’ossessione rimane: il 35% lo controlla ancora prima di alzarsi dal letto, il 16% gli da un'occhiata dopo essersi vestiti, il 10% dopo colazione e l'8% lungo la strada verso l'ufficio.

Vita privata in bilico - Lo studio di iPass ha rivelato che i mobile worker lavorano in media 240 ore all'anno in più rispetto ai lavoratori “normali”. E non è un bene per la vita privata: il 90% dichiara che lo smartphone causa problemi con il partner, il 21% con i figli e il 10% con gli amici. (sp)

Silvia Ponzio

28 maggio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us