Innovazione

"Cars 2" criticato per la scelta delle Big Oil nel ruolo degli antagonisti

Le compagnie petrolifere come i "cattivi".

I cartoni animati, soprattutto lungometraggi come Cenerentola, Peter Pan o La Bella e la Bestia, hanno spesso una duplice funzione: in primo luogo fanno ridere e divertire i bambini, ma se si guardano attentamente, magari con qualche annetto in più, spesso celano un secondo ruolo, quello educativo. Per questo motivo, la Disney, ed in particolare il direttore creativo della Pixar John Lasseter, si trova a dover affrontare dure critiche.

Un lungometraggio recente che ha avuto un grande successo è stato Cars, in cui i vari personaggi sono delle automobili dotate di pensiero: il seguito, Cars 2, uscirà proprio oggi nelle sale cinematografiche ma sarà accompagnato da un polverone scaturito per alcune decisioni prese dalla Disney. In particolare, alcuni blogger non hanno condiviso la scelta dei "cattivi" nel film, ovvero la Big Oil: questo termine è una parola generica per indicare le più grandi compagnie petrolifere come Shell o British Petroleum. Il valore principale trasmesso dal film ai bambini che andranno al cinema sarà quindi quello di respingere il petrolio per abbracciare forme di energia alternative: giusto, penserete, ma alcuni non la pensano così. Il blogger Christian Toto ad esempio si domanda: "Non si rendono forse conto di quanto petrolio sarà bruciato portando i gadget di "Cars 2" ai punti vendita?"; aspre critiche anche da molti conservatori, come si legge in un blog in cui lo scrittore afferma che non farà vedere il film ai suoi figli.

Forse a volte si cerca di trovare sempre e comunque un pretesto per creare polemica: far trapelare questi valori in Cars 2, a mio modesto parere, è un'azione degna di lode, soprattutto se si pensa che la Disney è uno dei mass media in grado di influenzare veramente il pubblico, soprattutto avendo a che fare con le nuove generazioni. Impegnarsi oggi per un futuro migliore.

Guarda le dieci auto più costose!

22 giugno 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us