Innovazione

BP assume i migliori scienziati del mondo ma poi li censura

Chiude la bocca agli scienziati!

La BP assume i migliori scienziati americani, per studiare la catastrofe che ha causato nel Golfo del Messico, ma poi ne censura suggerimenti e opinioni. Sembra che, ultimamente, la compagnia petrolifera britannica responsabile di una delle peggiori ecatombi ambientali della storia, stia mettendo sotto contratto molti studiosi locali, associati alla principali università dell'area del Golfo, per studiare l'impatto della fuoriuscita di petrolio sugli ecosistemi.

Secondo i critici, però, l'intento non sarebbe quello di avere migliori informazioni sulla situazione e sul come affrontarla, quanto piuttosto spingere i ricercatori al silenzio, visto che il contratto che gli viene fatto firmare prevede, tra le altre cose, che non possano pubblicare o condividere i risultati dei propri studi per almeno tre anni. Normalmente, questo tipo di ricerche vengono subito condivise negli ambienti scientifici e spesso pubblicati su riviste, specializzate e non. Alcune università hanno rifiutato l'accordo, ma BP è riuscita comunque a convincerne molte altre a mantenere la consegna del silenzio, per cui sembra chiaro che l'azione degli autori del disastro non è orientata a far sapere al mondo cosa è successo, ma semplicemente a mantenere, per quanto possibile, la situazione tranquilla, senza diffondere ulteriori allarmi.

L'atteggiamento di BP sembra avvalorare l'ipotesi secondo cui, come dicono molti biologi marini, i danni causati dall'esplosione del 20 aprile e dalla falla che si è aperta siano molto peggiori di quanto detto finora, e quindi i tentativi degli ambientalisti di tutto il mondo, delle aziende e degli studiosi che cercano soluzioni per chiuderla, nonché di politici come il presidente americano Obama, potrebbero rivelarsi addirittura inutili, di fronte all'enormità dei danni causati.

Foto: http://www.flickr.com/photos/19378856@N04/2037098785/

20 luglio 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us